BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui prima casa: migliori offerte 2011 a confronto

Le migliori offerte mutuo di dicembre 2011



Scegliere un mutuo non è un’impresa semplice, soprattutto in un momento come questo quando i mercati sono piuttosto altalenanti, e per farlo al meglio è necessario considerare tutti gli elementi che lo caratterizzano e i loro effetti, in modo da poter valutare correttamente il mutuo più adatto alle proprie esigenze economiche e familiari ed evitare brutte sorprese.

Ogni mutuo è caratterizzato da tasso di interesse prescelto, che può essere fisso, variabile o con cap, dalla durata, e dal tipo di garanzia aggiuntiva oltre quella ipotecaria. I mutui possono essere a tasso fisso, con la rata del mutuo fissa durante la durata del prestito; a tasso variabile, quando la rata del mutuo varia in dipendenza di determinati parametri che possono essere i tassi del mercato monetario e finanziario; misto, quando prevede l'applicazione in tempi determinati e successivi, sia del tasso fisso che del tasso variabile.

Ogni banca, gestendo tasso, durata e tipo di garanzia aggiuntiva costruisce prodotti specifici che possono soddisfare le richieste del mercato e le necessità della propria clientela.

Solitamente i mutui prima casa a tasso fisso rappresentano la scelta più sicura e sono scelti da chi non intende correre rischi finanziari per un acquisto così importante, perché il tasso viene stabilito nel momento di stipula del contratto e il cliente conoscerà con precisione la rata da corrispondere per tutta la durata del mutuo, ma la convenienza del momento continua a pendere verso i variabili.

Tra le migliori offerte attualmente disponibili troviamo quella di Mutuo Arancio, a tasso variabile o fisso di ING Direct. Con Mutuo Arancio Acquisto è possibile ottenere fino all'80% del valore dell’immobile, a partire da 50.000 euro. Mutuo Rottamazione è il Mutuo Arancio a tasso variabile che finanzia fino all'80% del valore dell’immobile, per un importo a partire da 80.000 euro e fino a 1.000.000 di euro.

Mutuo Arancio non prevede spese di apertura, perizia e gestione, e le rate vengono addebitate direttamente sul conto corrente del cliente. Scegliendo, inoltre, di addebitare le rate su Conto Corrente Arancio è possibile ottenere rate più vantaggiose o una riduzione dello spread.

Ipotizzando la richiesta di un mutuo da 100.000 euro, per un immobile che ne vale 200, da parte di un dipendente che ha un guadagno di circa 3.00 euro, l’offerta più conveniente è quella di Mutuo Variabile con cap di CheBanca !, che ha un taeg  4,28%, un tasso  3,99%, durata di 15 anni e ha una rata di 739 euro.

C'è poi il mutuo a tasso variabile Domus Variabile di Intesa Sampaolo, che ha un taeg  4,37%, un tasso  4,00%, durata  di15 anni e ha una rata di 740 euro. A seguire troviamo Mutuo Variabile di Barclays, con taeg del 4,99%, un tasso del 4,30%, della durata di 15 anni, con una rata mensile di 755 euro.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il