Evasione fiscale:conti correnti e movimenti sotto controllo con manovra Monti. Tracciabilità massima

Le nuove misure per combatte l’evasione fiscale.



Combattere l’evasione fiscale è una delle questioni su cui punta maggiormente il nuovo governo per irrobustire le casse dello stato e in ballo ci sono numerosi provvedimenti volti a regolarizzare e rendere più trasparente l’andamento del fisco in Italia.

Il nuovo pacchetto anti-evasione del decreto salva-Italia permetterà all'amministrazione finanziaria di fare una vera e propria radiografia fiscale a tutti i cittadini; sarà possibile conoscere i guadagni di tutti con le dichiarazioni dei redditi, tenere sotto capillare controllo le spese attraverso il nuovo redditometro e controllare tutti i rapporti intrattenuti con gli intermediari finanziari grazie alla tracciabilità dei singoli conti correnti.

In base all'articolo 11 della manovra, dal primo gennaio 2012, infatti, tutti gli operatori finanziari saranno obbligati a comunicare all'anagrafe tributaria periodicamente tutte le movimentazioni che hanno interessato i rapporti finanziari intrattenuti con i contribuenti.

Obiettivo è utilizzare i dati delle comunicazioni fornite dagli operatori per l'individuazione dei contribuenti a maggior rischio di evasione. Per attivare poi l'indagine finanziaria servirà l’autorizzazione delle direzioni regionali o dei comandi della Guardia di Finanza.

Controlli a tappeto saranno effettuati anche nei confronti di tutti quei contribuenti che non risultano congrui con gli studi di settore. Il direttore dell’agenzia delle Entrate, Attilio Befera, ha precisato che “Ridurre a livelli europei un’evasione pari a 120 miliardi l'anno non sarà l'opera di un giorno. Non faccio previsioni, ma dico che oggi abbiamo finalmente tutti gli strumenti per operare: l'accesso all'informazione completa sui movimenti finanziari, il redditometro, i limiti nell'uso del contante che consentono la tracciabilità delle operazioni ovvero la notifica, da parte delle banche, delle violazioni di questi limiti”.

E sul segreto bancario ha detto: “Finora, all'anagrafe tributaria erano noti i numeri dei conti correnti di tutte le banche. Nel corso di un accertamento, l'Agenzia poteva accedere all'anagrafe tributaria e chiedere notizie alle banche. Adesso, il sistema informatico dell'Agenzia registrerà tutte le transazioni su conti correnti, fondi, gestioni patrimoniali, polizze assicurative”.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il