BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni: cambiamenti e novità in manovra finanziaria Monti con ultime modifiche

Le ultime modifiche in materia di pensioni



“Siamo in grado di accogliere suggerimenti per rafforzare l'equità del provvedimento per salvare l'Italia”, ha detto il premier Mario Monti alla Camera. La novità più importante in materia di pensioni è che quelle fino a 1400 euro sono salve per il 2012.

Ma la deindicizzazione delle pensioni decisa con la manovra che interesserà i trattamenti pari al triplo della pensione minima (circa 1.400 euro) varrà solo per il 2012, dopodiché scenderà al doppio del minimo.

La revisione della norma sulla deindicizzazione che porta il blocco della rivalutazione dagli assegni superiori a due volte il minimo (935 euro) a quelli superiori a tre volte (1.402 euro) salva quindi circa 3,3 milioni di pensionati rispetto alla prima versione (7,5 milioni erano comunque sotto i 1.000 euro e quindi già esclusi dal blocco).

Ma potrebbero essere anche di più, considerando che la norma si riferisce alla singola pensione mentre il reddito pensionistico potrebbe per il pensionato cumulare più di un assegno. In pratica dovrebbe essere escluso dal blocco anche un pensionato che ha un reddito complessivo di 1.600 euro se questo reddito è composto da due pensioni, una di 1.000 e una di 600 euro.

L'aumento del tetto per le pensioni che avranno la rivalutazione piena comunque vale solo per il 2012, mentre per il 2013 dovrebbe tornare a valere il blocco per gli assegni superiori a due volte il minimo.

Scenderà, inoltre, dal 2 all'1% la penalizzazione prevista per chi va in pensione prima dei 62 anni avendo maturato i requisiti per la pensione di anzianità entro quest'anno e l'alleggerimento vale per i primi due anni di anticipo, mentre per gli eventuali altri resta al 2%%.

Sarà poi applicato un prelievo sulle pensioni d'oro che, però, non sarà del 25%, come anticipato ieri dal ministro Fornero, ma un contributo del 15% per la parte eccedente i 200mila euro e che varrà fino al 31 dicembre 2014.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il