Manovra Monti: pensioni, ici-imu, bollo conti correnti, tasse. Costo per ogni famiglia

Quanto spenderà in più una famiglia nel 2012?



Peseranno parecchio su ogni famiglia italiana le nuove misure della Manovra Monti che, fondamentalmente, alzano ogni tassa e colpiscono tutti. Ma a rimetterci saranno, come sempre, coloro che meno soldi hanno.

Dalla casa, alle addizionali Irpef, ai consumi, ai trasporti: la nuova Manovra, si stima, farà spendere il prossimo 2012 1.129 euro in più a famiglia. A pesare maggiormente sarà la casa: l’Imu che coinvolgerà anche la prima abitazione costerà circa 200 euro pro capite (172 per l'esattezza se si tiene conto del gettito previsto dalla manovra Monti dopo le modifiche apportate nel passaggio alla Camera) e per chi ha anche una seconda casa si sale ad almeno 320/330 euro di costo fiscale aggiuntivo.

A questi costi vanno aggiunti quelli di gestione come le utenze. Secondo Nomisma, per l'energia elettrica si pagheranno 21,5 euro in più e per il gas 32 euro in più su base annua, a causa sia agli aumenti delle quotazioni del greggio sia ai maggiori costi per le energie rinnovabili.

Salgono dello 0,33% le addizionali regionali Irpef con effetto già dal 2011 e saranno colpiti anche gli investimenti e i consumi, a partire dalle nuove imposte di bollo su conti correnti e sui libretti postali, al prelievo in vigore dal primo gennaio al 20% sulle rendite finanziarie, da cui sono esclusi solo i titoli di Stato, al nuovo aumento dell'Iva.

Il primo è scattato già lo scorso 17 settembre e ha riguardato solo i beni soggetti ad aliquota ordinaria, passata dal 20 al 21% e che ha colpito i beni di consumo come settore dell’abbigliamento, calzature, elettrodomestici, auto, scooter, telefonini, apparecchiature elettroniche e in genere prodotti per la casa.

Dal prossimo primo ottobre potrebbe aumentare ancora l’Iva e passare dal 21 al 23% ma potrebbe salire anche quella del 10% (che potrebbe salire al 12%) che riguarda, tra gli altri, anche molti prodotti alimentari. In questo caso, potrebbero essere necessari anche tra 200 e 400 euro in più. Altra stangata toccherà agli automobilisti che si ritorveranno a fare i contri con prezzi carburanti più alti e più alti pedaggi autostradali.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il