BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Investimenti 2012: consigli tra azioni, etf e oro

I migliori investimenti 2012: l’oro sempre in auge



La crisi economica che sta attanagliando il mondo intero sta anche caricando di forti aspettative, di miglioramento, ovviamente, il 2012, che sarà un anno cruciale per la soluzione di questa crisi globale finanziaria.

Al momento sembra quasi impossibile fare previsioni, gli esperti sono cauti, gli analisti sempre attenti ai dettagli e gli investitori incerti su come muoversi. Su una cosa, però, gli esperti sembrano essere d’accordo e cioè che il 2012 sarà l’anno giusto per puntare sulle azioni in Borsa e i bond tedeschi, soprattutto emessi dalle aziende.

Buone anche le obbligazioni in valuta estera di paesi con rating tripla A come Australia e Nuova Zelanda, e i titoli sezionati di paesi emergenti come la Polonia e il Messico. La sicurezza corre lontano agli altri Paesi Emergenti, come Cina, Brasile, Russia, India, che al momento rappresentano il futuro solido dell’economia mondiale.

Nel 2012 andranno bene anche le obbligazioni bancarie, assicurative, automobilistiche, ma anche di aziende telefoniche, di società che erogano servizi o che gestiscono società alimentari. In questa sorta di indagine sui migliori strumenti su cui investire nel prossimo 2012 è intervenuto anche CorrierEconomia, che ha chiesto ad un gruppo di consulenti agli investimenti, Consultique Sim, di elaborare due portafogli azionari molto diversificati, difensivi e capaci di generare un ragionevole profitto sull’arco di un triennio.

Anche loro si sono molto orientati verso un portafoglio azionario,  prevedendo che nei prossimi tre anni ci sarà una gestione ordinata della crisi economica. C’è anche chi consiglia gli Etf, gli exchange traded fund, che permettono di replicare l’andamento di un indice di borsa o di un paniere di titoli predefinito e che, come azioni e titoli, vanno scelti lontano, soprattutto in Asia e Stati Uniti. Sempre in auge poi gli investimenti in oro, perché anche se le quotazioni del metallo sono scese sotto i 1.600 dollari l’oncia, l’oro continua a rendere molto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il