BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Azioni e obbligazioni 2012 consigliate per ottenere alti rendimenti

L’andamento del mercato azionario nel 2012: cosa succederà



L’anno che sta per chiudersi è stato particolare, molto, su tutti i fronti, da quello politico internazionale, a quello sociale mondiale a quello economico-finanziario, registrando quasi un vero e proprio crollo. Di tutti in tutto e per il futuro non sembrano esserci ancora certezze positive.

Di certo si sa che l’impegno dell’Italia, e dell’Europa intera, per uscire dalla crisi dovrà essere forte altrimenti si rischierà il fallimento. In questo quadro per niente rosee ci sono sempre gli ottimisti o coloro che vogliono continuare ad investire il proprio denaro, magari ottenendone anche dei rendimenti.

Il 2012 sembra poter diventare l’anno di azioni e obbligazioni e sono tanti gli esperti concordi sulla strategia di puntare su azioni in Borsa e bond tedeschi, soprattutto emessi dalle aziende, scelte che potrebbero, a sorpresa, rivelarsi vincenti il prossimo anno.

Sarà buono il rendimento delle obbligazioni denominate in valuta estera di paesi con rating tripla A come Australia e Nuova Zelanda, e di titoli sezionati di paesi emergenti come la Polonia e il Messico, e tutti gli altri, da Cina ad India, Russia e Brasile, al momento rappresentano il futuro solido dell’economia mondiale.

Secondo un’analisi pubblicata sulla rivista Soldi Economia Finanza e Personal Business, i mercati azionari, anche in uno scenario di bassa crescita, restano interessanti perché i bilanci delle aziende sono solidi e, a lungo termine, sul mercato azionari si otterrano buoni ritorni.

Le società più consolidate sulle quali puntare nel 2012 sono per esempio Nestlè, che vanta un’ottima situazione patrimoniale, un elevato rendimento e un’offerta di prodotti leader nel settore; BMW, che vende i propri prodotti nei mercati emergenti; e l’immancabile Apple, che dispone di prodotti eccellenti e di diritti di proprietà intellettuale con cui riesce a colmare l’impatto del ciclo economico negativo.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il