Mutui 2012: tassi di interessi alti e sempre meno richieste accolte

Calano le richieste dei mutui nel 2011. La tendenza continuerà anche nel 2012



Gli ultimi dati sull’andamento dei mutui 2011 non sono stati certo incoraggianti e hanno reso nota la tendenza al ‘ribasso’: calano cioè in questo anno le richieste di mutui, nonostante l’abbassamento dei tassi da parte della Bce, e, secondo le previsioni, caleranno ancora nel 2012.

Il motivo? I tassi di interesse sempre più alti applicati dalle banche a corto di liquidità. Questo spinge i risparmiatori ad investire sempre meno nel mattone. Anche se, infatti, la Bce ha effettuato un taglio dei tassi, le Banche erogatrici di mutuo, continuano ad aumentare gli spread, determinando un incremento notevole dei tassi di interesse e quindi delle rate.

Secondo i dati di Crif, Assofin e Prometeia, bisognerà attendere almeno il 2013 per vedere un leggero miglioramento per il settore dei mutui, che hanno già subito un duro colpo nei primi 9 mesi del 2011. Se la situazione non è rosea in generale, peggio è se riferito a coppie giovani, precari e under 30 che vogliono fare il grande passo di acquistare una casa.

Per loro farlo suona attualmente come un’ardua impresa, a causa della scarsa possibilità di garanzie che a spesso queste categorie offrono e dei tassi esagerati applicati.

Meno del 25% delle richieste vengano, infatti, evase positivamente, per i restanti aspiranti mutuatari l’unica strada sembra quella della ricerca di un garante, magari un nonno o un genitore, che possa contribuire alla riuscita dell’operazione, che comunque avrà dei tassi d’interesse molto più elevato rispetto a sei mesi fa.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il