BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Evasione fiscale a Cortina: commenti online e polemiche

Scoperti i furbetti di Cortina: su Twitter i commenti



Al via le operazioni contro l’evasione fiscale a partire da Cortina: controllate nella nota località sciistica le dichiarazioni dei proprietari di 251 auto di lusso di grossa cilindrata e si è scoperto che su 133 intestate a persone fisiche, 42 appartengono a cittadini che hanno dichiarato meno di 30.000 euro lordi di reddito. A comunicarlo è stata l'Agenzia delle Entrate del Veneto.

Nell'operazione sono stati trovati 118 auto di lusso intestate a società che in 19 casi nel 2009 e nel 2010 hanno dichiarato di essere in rosso e in 37 redditi lordi sotto i 50.000 euro. L’operazione antievasione di Cortina ha colpito anche diversi esercizi commerciali.

Risultato: gli incassi degli esercizi commerciali, da alberghi, bar e ristoranti a gioiellerie, boutique, farmacie, saloni di bellezza, nel giorno dei controlli sono lievitati rispetto sia al giorno precedente sia allo stesso periodo del 2010. In particolare, i ristoranti hanno registrato incrementi negli incassi fino al 300% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno.

Il blitz dell'Agenzia delle entrate a Cortina d'Ampezzo è diventato protagonista del web. Basta accedere a Twitter, dove #cortina è diventato in pochi istanti l'hashtag più utilizzato dagli utenti italiani. E si susseguono post ironici come ‘A Cortina si evadeva d'ampezzo’, ‘un blitz al giorno ci leva l'evasore di torno’ e di polemica ‘Hanno macchinoni da centomila euro, ma ne dichiarano solo trentamila. Vergogna’, ‘Adesso vi aspettiamo tutti a Porto Cervo in estate’ e ancora ‘E' incredibile leggere che ci sono commercianti con patrimoni milionari che evadono senza nessun tipo di scrupolo’.

Attaccato il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, che ha detto: “Operazioni come quelle condotte due giorni fa a Cortina, con controlli a tappeto solo perché presumibilmente tutta la zona è in questi giorni di vacanza popolata da persone ricche, sono del tutto inaccettabili e ispirate da un'operazione politica e mediatica”.

Su Twitter attaccano: “Dovrebbe lavorare invece di dire cose del genere”, “Se Cicchitto afferma queste cose significa che la Finanza ha operato bene”, “Se questa è un'operazione mediatica, allora ne vogliamo altre simili”, “Chi grida allo scandalo, quando finalmente si cominciano a fare realmente i controlli, ha sicuramente qualcosa da nascondere”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il