BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Movimenti conti correnti 2012: controllo contro evasione fiscale. Funzionamento

Partite le operazioni contro l’evasione fiscale in Italia: gli strumenti



Misure più restrittive per combattere l’evasione fiscale erano state annunciate dal premier Monti sin dal suo insediamento e così sembra essere già accaduto. Il blitz di Cortina ne è un esempio. Ma è solo l’inizio.

Le operazioni anti evasione si susseguiranno in tutta Italia e dal primo gennaio 2012 vengono tracciati tutti i movimenti dei conti correnti. Dal primo gennaio 2012, infatti, le banche invieranno ogni volta in automatico i movimenti effettuati e da qui verranno tracciati in automatico dal sistema.

Verranno poi valutate le diverse tipologie di spese: a partire dall’abitazione in ristrutturazione fino al rimborso dei mutui; all’acquisto e mantenimento degli autoveicoli; dalle vacanze, all’iscrizione ai circoli sportivi privati, ai movimenti di capitali.

Il segreto bancario non esisterà più e al suo posto ci sarà Serpico, super-cervellone della Sogei che elabora 22mila dati al secondo attraverso duemila server e che rappresenterà un faro su dichiarazioni dei redditi, patrimoni immobiliari, utenze di luce e gas, e movimenti in banca.

I duemila server di Serpico incrociano i dati, verificano le anomalie e quando individuano un caso sospetto mandano in automatico un alert informatico alla direzione dell'agenzia delle entrate e alla sede provinciale del caso individuato.

Serpico individua nome e cognome del contribuente, le sue ultime cinque dichiarazioni dei redditi, le auto intestate, le case, i terreni, eventuali aerei e barche, più tutte le nostre utenze (luce, gas, acqua), le spese voluttuarie più alte e significative, le polizze assicurative, le operazioni per cui ci è stato chiesto il codice fiscale, e le iscrizioni in palestra o in altri centri benessere.

Una volta fotografati i redditi dalla dichiarazione, censiti i principali beni immobiliari, l'occhio del cervellone fotograferà i soldi che teniamo in banca, i movimenti dei nostri conti correnti e le operazioni sopra i mille euro. Le banche e gli intermediari finanziari manderanno una nota periodica e lui elaborerà per segnalare le eventuali anomalie. Controlli a tappeto saranno effettuati anche nei confronti di tutti quei contribuenti che non risultano congrui con gli studi di settore.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il