BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Tasse su conti correnti e depositi manovra Monti: come fare calcolo

Le nuove tasse su investimenti e prodotti finanziari: quanto costeranno



Le nuove tasse imposte dalla Manovra ‘salva Italia’ colpiranno anche i titolari di conti correnti, titoli o libretti di risparmio e altri prodotti finanziari. Dal primo gennaio 2012, infatti, l’imposta di bollo è stata estesa a tutti gli investimenti finanziari, colpiti da un’aliquota dello 0,1% che diventerà dello 0,15% nel 2013.

Esentati dalla nuova imposta di bollo i conti correnti con una giacenza media annua sotto i 5 mila euro, mentre, invece, per le imprese l’imposta sale da 73,8 a 100 euro.

Le nuove imposte andranno a gravare anche su tutti gli altri strumenti finanziari: i buoni fruttiferi postali saranno tassati dello 0,1% nel 2012 e dello 0,15% dal 2013, mentre i capitali scudati saranno soggetti a un'imposta di bollo speciale annuale del 4 per mille.

Salato sarà il bollo sugli investimenti finanziari, la cosiddetta mini patrimoniale, che colpirà tutti i prodotti finanziari, dai fondi di investimento, alle polizze vita, ai titoli di Stato, alle obbligazioni.

Per il 2012, il prelievo sarà dell'uno per mille annuo, calcolato in misura proporzionale all'investimento, l'aliquota passa poi all'1,5 per mille nel 2013. Per quanto riguarda poi i buoni fruttiferi postali, essi saranno tassati alla scadenza, con l'applicazione sul valore dello strumento finanziario di un’aliquota dello 0,1% per il 2012 e dello 0,15% dal 2013, con un importo minimo pari a 34,20 euro e, limitatamente al 2012, un importo massimo pari a 1.200 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il