BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Italia-Programmi.Net: truffa. Multa antitrust milionaria

Multa da 1,5 milioni di euro per Italia-Programmi.net



Una multa di ben 1,5 milioni di euro è stata comminata dall’Antitrust alla società Estesa Limited, con sede alle Seychelles, per pratiche commerciali ingannevoli e aggressive messe a punto attraverso il sito www.italia-programmi.net che hanno riguardato oltre 25mila consumatori. Il fenomeno ha interessato alcuni prodotti software offerti apparentemente in modo gratuito.

Digitando sul motore di ricerca Google il nome di un determinato software, in particolare l’antivirus Avira, accompagnato dalle parola gratis, gratuito o free, appariva come primo risultato il link www.italia-programmi.net.

Selezionando il link, l'utente veniva indirizzato ad un sito dove trovata l’invito ‘Scaricalo subito’ e la richiesta di fornire dati personali utili alla registrazione. Il consumatore pensando si trattasse di un servizio gratuito vi cliccava, ma una volta inseriti i propri dati sottoscriveva un contratto biennale con la società Estesa Ltd per la fornitura di software al costo annuale di 96 euro da pagare anticipatamente una volta l’anno.

Secondo l’Antotrust, i termini dell’abbonamento erano ovviamente riportati con un’evidenza grafica non sufficiente ad una loro immediata percezione. Nel momento in cui la società non riceveva bonifici, inviava solleciti per i pagamenti, che dovevano essere effettuati su un conto presso una banca di Cipro, e minacciava azioni penali in realtà mai intraprese.

I solleciti talvolta arrivavano anche a consumatori che non si erano mai registrati sul sito. Ciò significa che l’utente può tranquillamente continuare a non pagare, ignorando le minacce ricevute e vedendo garantita la propria sicurezza, mentre chi ha già pagato difficilmente riuscirà ad ottenere il rimborso per la truffa, ma potrà comunque rivolgersi al Garante ed alle associazioni dei consumatori per segnalare la propria posizione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il