BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Liberalizzazioni farmacie: cosa cambia. Le novità

Liberalizzare i farmaci di fascia e più farmacie: la ricetta di Catricalà



E’ uno dei punti caldi di cui si discute da settimane: è il capitolo delle liberalizzazioni, in particolare quelle che riguardano i farmaci. Il sottosegretario alla Presidenza Catricalà ha parlato di un intervento che riguarderà tutti i settori: energia, assicurazioni, trasporti, farmacie, notai e acqua.

E sulle farmacie ha spiegato che “Ci sarà un aumento della pianta organica in modo da avere i giusti sconti sui farmaci”. Liberalizzare la vendita dei farmaci di fascia C, quelli per i quali è richiesta la ricetta medica, ma che sono a carico del paziente, resta uno degli obiettivi dell'annunciata riforma.

Il governo ha già fatto sapere di voler aumentare l’offerta rimuovendo gli ostacoli all'apertura di nuove farmacie. La grande maggioranza delle farmacie italiane, circa 16.000, è rappresentata da farmacie private (ottenute grazie a concorso e poi diventate di proprietà del farmacista), mentre circa 1.500 sono quelle comunali e nel nostro paese sono anche presenti 3.872 parafarmacie (circa 300 nei centri commerciali e 3.500 come negozi su strada).

I rappresentanti dei parafarmacisti propongono di abbassare il quorum ad una farmacia ogni 2.500 abitanti (ora è a 4 mila), per avere 7.700 aperture in più e oltre 30 mila nuovi posti di lavoro. Soglia posta a 3.500 abitanti da Federfarma. La vendita libera dei farmaci di fascia C potrebbe intanto rientrare nel decreto liberalizzazioni ed essere estesa anche ai piccoli Comuni.

Un mercato che vale 3,1 miliardi l'anno, il 12% della spesa farmaceutica nazionale (26 miliardi). Insieme a più farmacie, in discussione anche le liberalizzazioni di taxi, più notai, via le tariffe minime per le professioni, servizio ferroviario più allargato alla concorrenza, stop alle polizze assicurative imposte dalle banche sui mutui. E questi sono solo alcuni degli interventi che arriveranno via decreto sul tavolo del Consiglio dei Ministri del prossimo 20 gennaio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il