BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pagamento pensioni in contanti 2012: nuove regole e date dopo Manovra Monti

Ritirare la pensione in contante: possibile solo fino a 1000 euro. Le offerte conto per chi riceve somme superiori



Insieme ai controlli a tappeto che si stanno svolgendo in tutta Italia, il governo Monti per combattere l’evasione fiscale riparte anche dall’uso dei contanti e dalla loro tacciabilità, fissando una soglia di pagamento in contanti a massimo 1.000 euro. Questo tetto massimo sarà applicato anche a tutti i pensionati che ritirano le pensioni.

Chi, infatti, riceve assegni superiori ai 1000 euro non potrà più ricevere la pensione in contante agli sportelli della Posta ma la somma dovrà transitare su canali alternativi di pagamento, come strumenti elettronici bancari o postali, comprese le carte prepagate.

Per le associazioni dei consumatori la nuova legge rappresenta una discriminazione contro gli anziani, poiché molti di loro non usano carte di credito. La novità entrerà in vigore il prossimo 7 marzo 2012 ed entro questa data bisognerà aver aperto un conto corrente su cu far confluire la propria pensione, se superiore ai mille euro.

Chi, invece, non arriva a percepire più di mille euro potrà continuare a riscuotere la pensione in contanti sempre alla Posta, come fatto fino ad oggi. Ci sarà tempo fino al 29 febbraio per aprire un conto e se si apre in banca bisognerà poi comunicare alle Poste il numero Iban, aprendolo, invece, direttamente alle Poste tutto si svolgerà in automatico.

Per sostenere i pensionati nella scelta di un conto, sono diverse le offerte disponibili loro dedicate. Si parte da quella di Poste Italiane che ha pensato a tre soluzioni a costo zero per l’accredito della pensione.

Si tratta del conto BancoPosta Più, del libretto postale nominativo e della Inps Card, con prelievo gratuito presso tutti i 14 mila uffici postali o agli sportelli Postamat. La Inps Card, una prepagata che permette di prelevare denaro e pagare in alcuni negozi, non prevede l’imposta di bollo e consente di farsi accreditare la pensione, versarci denaro, ritirare i contanti nei Postamat e in tutti i bancomat del circuito Cirrus Maestro.

Il limite, sia per il prelievo che per i pagamenti, è di 600 euro al giorno. Non si possono però effettuare i bonifici con la Inps Card. Per ottenere questa carta basta rivolgersi all'ufficio postale dove si riscuote abitualmente la pensione e richiederla. Si riceverà la carta (e il codice di sicurezza, cioè il pin) direttamente a casa e bisognerà solo poi chiedere alle Poste l'attivazione.

Altre offerte pensate per gli anziani sono quelle di Unicredit: conto corrente Super Genius, con canone gratuito per 12 mesi, che costerà poi solo 3 euro, ma che rimarrà pari a zero se sarà assicurata una giacenza di 2.500 euro; e la Genius Card Iban, Bipiemme che offre, invece un libretto di risparmio a un euro al mese, con operazioni illimitate e carta a 9 euro all’anno. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il