BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Migliori azioni 2012 Europa: previsioni e consigli

Le azioni consigliate per investimenti buoni nel 2012



L’Italia è stata ancora declassata dall’agenzia di rating americana S&P, l’andamento dei mercati è ancora incerto, quello delle Borse altalenante e la crisi non accenna, al momento, ancora ad attenuarsi, nonostante il plauso ricevuto dal premier Monti dall’Ue sulle misure prese dal governo per salvare l’Italia.

I titoli che potenzialmente nel 2012 potrebbero fruttare alle attuali quotazioni sono di quelli di società con bilanci solidi, con forte posizionamento di settore e con buone prospettive anche in caso di rallentamento economico.

Più nello specifico suggeriscono di rivolgere particolare attenzione alla britannica Eurasian Natural Resources (Enrc), russa, attiva nell’estrazione di materiali industriali e carbone. Promossi settori dell’energia e dell’industria mineraria in generale. Bene anche i leader del lusso, Lvmh, in decisa crescita, e Richemont, che vanta un’importante presenza in Asia e nei Paesi emergenti.

Gli analisti del colosso statunitense Citi, tra le società consigliate, puntano anche sull’italiana Saipem, suscettibile, secondo le stime, di una crescita del 18% nel periodo di tempo compreso tra 2011-2015. 

Bene anche i settori difensivi come la salute, con società come la tedesca Fresenius, la danese Novo Nordisk o la britannica Glaxo; il largo consumo, rappresentato da aziende come Imperial Tobacco e Reckitt Benckiser, nei prodotti per l’igiene domestica.

I difensivi di qualità che andranno bene per Ubs sono Nestlé e Tesco, nella distribuzione alimentare, mentre tra i titoli finanziari, generalmente da evitare assolutamente, spicca qualche eccezione come la Zurich Financial Services.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il