BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Wikipedia oscurata: i motivi. Tutti contro la legge Sopa

Il web contro la legge Sopa in discussione negli Usa



Wikipedia oscurata per 24 ore per protesta contro la legge SOPA, Stop Online Piracy Act, la discussa regolamentazione che il Congresso Americano deve approvare e che propone una legge per tutelare il copyright ma che sembra violare la libertà della Rete.

La protesta di Wikipedia si unisce a quella di siti come Reddit, Mozilla, BoingBoing, TwitPic e di colossi come Google, Facebook, Twitter, Yahoo e altri ancora, contro una legge definita di bavaglio del web. La protesta è rivolta in particolare a due proposte di legge in approvazione al Congresso Usa, Sopa e Pipa (rispettivamente Stop Online Piract Act e Protect Ip Act), pensate per arginare la diffusione in Rete di contenuti protetti da copyright, ma che, secondo la rete stessa, limiterebbero la libertà di espressione e circolazione di idee che contraddistingue Internet.

In un comunicato apparso sul sito in lingua inglese si legge ‘Per oltre un decennio abbiamo impiegato milioni di ore per costruire la più grande enciclopedia della storia umana. E ora il Congresso Usa sta discutendo una legge che potrebbe danneggiare fatalmente il web libero e aperto. Per 24 ore Wikipedia verrà oscurata’.

Anche il sito in lingua italiana di Wikipedia esprime solidarietà ai colleghi: ‘desideriamo unire la nostra voce al coro di chi chiede che il web possa rimanere libero da censure e limitazioni’. Google, dal canto suo, ha aderito alla causa coprendo con una barra scura il logo presente sull'homepage Usa.

La legge SOPA darebbe al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti il potere di chiedere un’ordinanza giudiziaria contro i siti Internet che violano i diritti di autore o ne aiutano la violazione e in pratica dà alle autorità federali la possibilità di bloccare l’accesso, la pubblicità e i canali di finanziamento per i siti che vendono o semplicemente pubblicano illegalmente materiale protetto dai diritti d’autore negli Stati Uniti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il