Codacons, al via prima causa contro le spese di chiusura del conto

Il Tribunale di Catanzaro sarà presto chiamato a decidere sulla legittimità dell'applicazione delle spese di estinzione ai contratti di conto corrente, a seguito di un'azione legale avviata dal Codacons per conto di un cittadino calabrese



Il Tribunale di Catanzaro sarà presto chiamato a decidere sulla legittimità dell'applicazione delle spese di estinzione ai contratti di conto corrente, a seguito di un'azione legale avviata dal Codacons per conto di un cittadino calabrese. Parte così la prima causa contro le spese di chiusura del conto corrente bancario.

Secondo l'associazione a tutela dei consumatori la clausola che prevede l'obbligo per gli utenti di corrispondere una somma a titolo di "commissione richiesta estinzione conto" è illegittima. Anche nell'ipotesi in cui il diritto di recesso venga esercitato dal cliente dell'istituto di credito dopo aver ricevuto una comunicazione, da parte della propria banca, della unilaterale modificazione dei tassi, prezzi o di altre condizioni. La clausola sarebbe volta ad aggirare la normativa speciale in materia bancaria (Testo Unico bancario), istituendo una vera e propria caparra penitenziale (in sostanza una penale in caso di recesso).

"A nostro avviso - sostiene l'associazione - in caso di modifica unilaterale delle condizioni da parte di una banca, il cliente che ritiene di recedere dal contratto di conto corrente deve poterlo fare senza essere costretto a pagare assurde spese di estinzione. Le predette somme, inoltre, vengono unilateralmente stabilite dalla banca, e ostacolano la libera concorrenza e la libera scelta di altri prodotti sul mercato. Se la Magistratura dovesse accogliere la nostra tesi difensiva tutti coloro che vorranno svincolarsi da un contratto di conto corrente divenuto penalizzante, a seguito di modifiche imposte unilateralmente dalla propria banca, potranno farlo senza dover più pagare esose "commissioni di estinzione conto".

Per tale ragione il Codacons raccomanda ai consumatori di controllare accuratamente tutte le comunicazioni che provengono dalle banche. Infatti le modifiche delle condizioni di contratto vengono inviate unitamente all'estratto conto ovvero con quelle che vengono definite "comunicazioni di trasparenza" che da qualche anno tutte le banche hanno l'obbligo di inviare almeno una volta all'anno ai propri clienti.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il