BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Contratto Unico: come funziona in riforma lavoro Fornero-Monti

Le novità della riforma Fornero: cosa prevedono



Maggiore flessibilità del lavoro, favorire l’occupazione e assicurare minore precarietà per giovani e donne: sono questi gli obiettivi che la nuova riforma del lavoro del ministro Fornero punta ad ottenere.

Punto di partenza sarebbe la nascita di un Contratto Unico di inserimento, che sostituisca gli attuali 48 che regolano il mercato del lavoro italiano. Il governo ne discuterà lunedì con le parti sociali. I

l cosiddetto Cui sospenderebbe l’articolo 18 per i primi tre anni di attività lavorativa in un’azienda: in pratica, il datore che licenzia il lavoratore senza giusta causa nei primi tre anni dall’assunzione non sarebbe obbligato a reintegrarlo, ma dovrebbe risarcirlo con una penalità pari a 5 giorni lavorativi retribuiti per ogni mese lavorato.

Chi, per esempio, venisse licenziato dopo tre anni dovrebbe ricevere la penalità di sei mesi di retribuzione. Dopo tre anni, scatterebbero le consuete previsioni dell’art 18, come avviene oggi. In questo modo, i neo-assunti non passerebbero per contratti precari, ma per contratti anche a tempo indeterminato, con una maggiore flessibilità per l’impresa.

I neo-assunti, inoltre, non potranno essere retribuiti con un salario inferiore ai 25 mila euro all’anno, se assunti con contratto a tempo indeterminato. Quindi, chi viene assunto a tempo determinato dovrà avere un reddito minimo di 25 mila euro annui, con le dovute eccezioni per i lavori stagionali.

Stop anche ai contratti a progetto e di lavoro autonomo continuativo e un’altra novità riguarderebbe l’introduzione di un reddito minimo, consuetudine già consolidata in molti altri Paesi europei, che prevede che un datore di lavoro non possa corrispondere a un dipendente un salario al di sotto di quello previsto per legge.

Previsti poi nuovi ammortizzatori sociali, come il mantenimento della cassa integrazione, per i casi di crisi aziendale o del settore, e il sussidio di disoccupazione per le crisi strutturali vere e proprie.

 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il