BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Contratto bancari: rinnovo. Novità orari banche e stipendi

Modifiche al contratto bancario: cosa prevedono



Nuovo accordo raggiunto sul rinnovo del contratto bancario, tra l’Abi e le sette organizzazioni sindacali di categoria, che avrà decorrenza dal primo giugno 2012 e scadenza al 30 giugno 2014. Il nuovo contratto prevede 170 euro medi di aumento economico, da riparametrare in base agli inquadramenti dei lavoratori; la creazione di un fondo per la buona e stabile occupazione, a cui contribuiranno economicamente con il 4% del proprio stipendio gli alti dirigenti bancari.

Il Fondo, a regime, permetterà, inoltre, l’assunzione di circa 16.500 giovani nei prossimi 3 anni, con l'obiettivo di arrivare a 25 mila in 5 anni. I giovani entreranno in banca con un salario temporaneamente ridotto del 18% e dopo 4 anni lo stipendio raggiungerà i livelli tabellari del contratto nazionale, ma le assunzioni saranno tutte a tempo indeterminato.

Il nuovo contratto prevede, inoltre, la possibilità per le banche di riportare nel proprio perimetro quelle lavorazioni che negli anni precedenti erano state esternalizzate. I lavoratori che si occuperanno di questo processo potranno essere collocati progressivamente nell'area contrattuale del credito, con un graduale miglioramento delle loro condizioni retributive.

I lavoratori in questione, pur avendo un orario lavorativo di 40 ore settimanali e stipendi inferiori del 20% rispetto agli standard del contratto nazionale, godranno di un trattamento più vantaggioso rispetto a quello del settore di provenienza e saranno inquadrati da subito nell'area contrattuale del credito.

Modifiche previste anche per quanto riguarda l’orario di sportello che sarà dalle 8 alle 22, subordinato dalle 8 alle 20 a verifica tra sindacati e azienda e dalle 20 alle 22 condizionato dall'accordo sindacato-azienda.

Infine, previsto il congelamento per 18 mesi degli scatti di anzianità e per tre anni della maturazione del Tfr (trattamento di fine rapporto). Soddisfata l'Abi che parla di un contratto ‘straordinario, di ampia solidarietà, che vede al primo posto l'occupazione’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il