BusinessOnline - Il portale per i decision maker








IBM, Microsoft, Google, Intel: i risultati trimestrali in Borsa

I risultati dei colossi dell’ultimo trimestre 2011



Nell’ultimo trimestre del 2011 sono state Ibm e Intel a superare i risultati attesi in Borsa, attestandosi oltre le aspettative. Bene anche Microsoft, mentre delude Google.

Nel quarto trimestre, Ibm ha visto crescere l'utile del 4,4% e l'aumento degli introiti di software e servizi ha bilanciato il calo delle attività collegate all'hardware. Il titolo, che nel 2011 ha guadagnato il 25%, ha acquistato nell'afterhours quasi il 3% a 185,5 dollari per azione.

Per l'anno in corso, la società prevede un utile per almeno 14,85 dollari per azione, al di sopra delle stime degli analisti per 14,82 dollari. Nel quarto trimestre, invece, la società ha riportato profitti per 5,49 miliardi di dollari, 4,62 dollari per azione, dai 5,26 miliardi, 4,18 dollari per azione, dello stesso periodo dell'anno scorso.

Intel, invece, colosso americano dei microchip, ha registrato un modesto aumento dell'utile nel quarto trimestre, battendo le previsioni degli analisti. Nel quarto trimestre, Intel ha riportato profitti per 3,4 miliardi di dollari, 64 centesimi per azione, contro i 3,2 miliardi, 56 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'anno scorso. Google ha deluso le aspettative degli analisti, perdendo il 10% nel mercato after hours.

L’utile netto nel quarto trimestre della società che gestisce il più utilizzato motore di ricerca del web è salito del 6,3% a 2,71 miliardi di dollari, o 8,22 dollari per azione, contro i 2,54 miliardi di dollari, o 7,81 dollari per azione, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Microsoft ha, invece, accusato una flessione dell’utile del secondo trimestre dello 0,2% a 6,62 miliardi di dollari in seguito alle minori vendite di Windows e della divisione Windows Live, il cui utile è sceso dell'11% a fronte di una riduzione dei ricavi del 6,3%. Flessioni in parte controbilanciate dall'aumento in altre divisioni. I ricavi sono saliti del 4,7% a 20,89 miliardi di dollari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il