BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Liberalizzazioni farmacie e farmaci fascia C: novità ufficiali in Decreto Monti

Vendita farmaci fascia C solo in farmacie: le novità del decreto liberalizzazioni



E’ stato per settimane uno dei punti cruciali, insieme a quello di notai e tassisti, del pacchetto liberalizzazioni: si tratta della vendita dei farmaci di fascia C, insieme alle novità che riguardrenno nuove farmacie.

Venerdì scorso il decreto liberalizzazione ha ottenuto il via libera dopo ben otto ore di Consiglio dei ministri e sulla questione farmacie, è intervenuto lo stesso ministro della Salute, Renato Balduzzi, secondo cui “la filosofia degli interventi del governo è stata allargare il numero dei punti vendita”.

Le farmacie passeranno da circa 18.000 a 23.000, verrà poi indetto un unico grande concorso straordinario per l'apertura di 5mila nuove farmacie e il concorso sarà per i farmacisti non titolari e potranno parteciparvi anche farmacisti che lavorano in ambito diverso da quello delle farmacie.

Per quanto riguarda la vendita dei farmaci di fascia C, alla fine essi potranno essere venduti solo nelle farmacie. Il comma che di fatto consentiva, con alcuni vincoli, la vendita anche al di fuori di esse, è stato eliminato nell'ultima bozza del decreto. Ma i farmacisti non ci stanno.

“Avevamo detto che un dieci per cento di farmacie in più per noi andava bene ma il governo ha scelto un aumento del 45 per cento. Mi pare davvero insostenibile”, ha detto il presidente di Federfarma Annarosa Racca che ha calcolato un aumento di 7 mila farmacie e non di 5 mila come dice il decreto.

E poi ha spiegato: “Perché nel testo ci sono una serie di deroghe che di fatto, abbiamo calcolato, porterà ad una crescita degli esercizi non di 5 mila ma di 7 mila nuove farmacie e questo significa il 45% in più. Come possono pensare che un simile aumento sia sostenibile? Significherà solo un impoverimento del servizio e una diminuzione della professionalità”. I farmacisti hanno quindi programmato una serie di giornate di sciopero, la prima delle quali è già prevista per il prossimo primo febbraio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il