BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Liberalizzazioni benzina: novità e cambiamenti ufficiali in Decreto Monti

Le novità per benzinai e carburanti: tutti pronti allo sciopero



Taxi, farmacisti, benzinai, professionisti: sono tutti sul piede di guerra contro le misure del nuovo decreto liberalizzazioni approvato lo scorso venerdì e che secondo le associazioni di categoria proverebbero esse stesse del lavoro da sempre sostenuto.

Per protestare contro il nuovo pacchetto, sono partiti da oggi scioperi in tutta Italia, da quello dei tassisti, al blocco dei Tir da Nord a Sud del Paese, all’annuncio, per il prossimo primo febbraio, di saracinesche delle farmacie chiuse, allo sciopero di 72 dei benzinai, ancora però da definire.

Il decreto liberalizzazioni prevede per loro la possibilità per i distributori di vendere anche prodotti non-oil, come tabacchi, bevande, cibi, giornali, e la possibilità di installare self-service senza limiti fuori dai centri abitati. Inoltre, il decreto stabilisce che la categoria dei benzinai non potrà scioperare per più di tre giorni.

“Rispetto alle prime bozze registriamo un netto passo indietro dell’esecutivo riferito alla possibilità di una riforma vera e concreta del settore”, ha denunciato la Faib Confesercenti, che già aveva messo in evidenza come il Governo abbia fatto “retromarcia su tutta la linea di fronte alla potente lobby dei petrolieri, i cui privilegi non vengono neanche scalfiti ma persino rafforzati”.

La Faib Confesercenti spiega che non ci sarebbe nessun provvedimento in grado di far superare davvero un vincolo d’esclusiva a favore dei gestori perché “tale possibilità rimane solo per i proprietari di impianti a favore dei quali peraltro viene prevista la facoltà di allargare gli spazi di mercato, mentre sul non oil si confermano le previsioni circolate nei giorni scorsi: nulla di nuovo ad eccezione dei tabacchi che però potranno essere venduti solo dall’elite della rete; solo nel caso di superfici almeno di 1500 mq, circoscivendo dunque la previsione e operando una selezione solo a favore dei grandi impianti”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il