BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?



Aggiungici alle tue cerchie (clicca su Segui):



Sciopero Tir e blocchi autostrada in tempo reale oggi 23 gennaio 2012. Aggiornamenti

Si espande la protesta degli autotrasportatori su strade e autostrade


Cresce a macchia d'olio la protesta degli autotrasportatori in tutta Italia e gli scioperi segnalati già da questa mattina presto si sono allargati a comprendere ulteriori manifestazioni.

Le situazioni più critiche si registrano attualmente in Piemonte, dove c’è una temporanea chiusura del casello di Asti est sull'A21, mentre sulla Tangenziale di Torino disagi per la presenza in carreggiata di manifestanti (libera una corsia su tre); in Lombardia, dove sull’A4 Milano-Brescia si registra una congestione degli svincoli di Bergamo, Capriate, Seriate e Dalmine con conseguenti code in entrambe le direzioni sulla carreggiata autostradale; in Liguria è bloccato il casello autostradale Genova-Bolzaneto, sulla A7 Genova-Milano; chiusi in Abruzzo caselli di Pescara Nord e Mosciano Sant'Angelo. In Campania, sull’A30 Caserta-Salerno dove si sono formati 2 km di coda in direzione sud alla barriera di Mercato San Severino e sull'A1 alla barriera di Napoli Nord verso Roma.

In Puglia, i camionisti hanno fermato i tir in prossimità degli svincoli di entrata e uscita dell'autostrada A/14 e A/16 e delle principali strade statali. In particolare, sulla tangenziale di Bari ci sono lunghe code in prossimità degli ingressi in città e altri blocchi di tir sono segnalati sulla SS371 nei pressi di Specchiolla, nel brindisino, sulla SS7 di Taranto, nei pressi dello stabilimento Ilva, sulla SS106 Jonica e sulla SS 100 Taranto-Bari.

Continua la protesta in Sicilia, dove ci sono presidi a Giarre e Caltagirone in provincia di Catania. Nel ragusano a Ragusa, Modica, Monterosso, Sampieri, Pozzallo, Donnalucata, Comiso e santa Croce Camerino, mentre in Calabria si registrano presidi di mezzi pesanti in punti strategici di trasporto e comunicazione. Le notizie intanto stanno facendo il giro della rete, in particolar modo sui social network.

Autore:

Marianna Quatraro




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il 23/01/2012 alle ore 07:11