BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Licenziamenti, contratto unico, stipendio minimo in riforma lavoro Monti

Le linee guida del governo per la riforma del mercato del lavoro: cosa prevedono



Si è aperto il confronto tra governo e parti sociali sulla riforma del lavoro, quella che dopo la fase uno ‘salva Italia’ e la fase due ‘cresci Italia’, rappresenterà la fase tre di ‘recupero’ del Paese da parte del governo tecnico di Mario Monti per ‘rilanciare’ la crescita economica di Italia. In discussione soprattutto la possibilità di un contratto unico, Cui, che possa andare a sostituire la frammentazione contrattuale che vige in Italia dove le tipologie di contratti di lavoro sono una moltitudine; la possibilità di istituzione di uno stipendio minimo di disoccupazione, e nuove norme sui licenziamenti.

Le linee guida del governo per la riforma del mercato del lavoro, illustrate dal ministro Elsa Fornero, si dividono in cinque capitoli: tipologie contrattuali, apprendistato, flessibilità, ammortizzatori sociali e servizi per il lavoro. Il governo propone anche di riformare il sistema di ammortizzatori sociali puntando su un meccanismo con due possibilità riguardo la cig, un sostegno per le crisi temporanee e un altro per chi perde il lavoro.

Il ministro Fornero ha ribadito più volte che “Servono ammortizzatori che facilitino la ricollocazione dei lavoratori. Per raggiungere l’obiettivo sarebbe importante un passaggio ad un sistema integrato, basato su due pilastri: uno per la riduzione temporanea dell'attività, l'altro, per il sostegno al reddito di chi abbia perso il lavoro, mentre gli ammortizzatori saranno finanziati da contributi come avviene nel sistema assicurativo mentre la fiscalità generale servirà per l'assistenza”.

Per quanto riguarda poi la Cassa integrazione, la riforma del mercato del lavoro dovrebbe prevedere un uso limitatissimo della Cassa integrazione e solo di quella ordinaria nei casi in cui si possa rapidamente riprendere il lavoro, mentre tutti gli altri ammortizzatori riguarderebbero interventi dopo il licenziamento con una indennità risarcitorie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il