BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Concorsi Pubblici: novità e regole in decreto semplificazioni 2012

Laurea e voto di laurea meno influenti sui risultati dei concorsi pubblici: la novità del dl semplificazioni



Sono tante le novità previste dal dl semplificazioni che oggi approderà in Consiglio dei Ministri per diventare legge. Si tratta di una serie di norme volte appunto a semplificare e snellire, prevedendo anche minori costi, le lungaggini burocratiche italiane e offrendo servizi a imprese e cittadini in tempo reale grazie alla via telematica, dai certificati anagrafici immediati per nascite e matrimoni, alla maggiore facilità per le imprese di assumere lavoratori stranieri extra Ue, e di ottenere un’autorizzazione unica in materia ambientale per le Pmi.

Insieme ai nuovi bonus per il Sud, la social card, il nuovo rinnovo previsto per la carta di identità, le semplificazioni per le imprese e le scuole, il dl semplificazioni prevede novità anche per quanto riguarda concorsi, e ricerca scientifica. Innanzitutto, la laurea continuerà ad avere il suo valore legale ma perderà peso nei concorsi pubblici ed anche il voto non avrà più valore.

L’art.9 della bozza del decreto sulle semplificazioni prevede, infatti, ‘l’equiparazione dei titoli di studio e professionali nei casi in cui non sia intervenuta una disciplina di livello comunitario’.

A parte alcuni casi come la laurea in medicina, dove esiste appunto una disciplina comunitaria, la laurea perderà peso nelle selezioni per la pubblica amministrazione e non ci saranno punti in più a seconda del tipo di laurea (Economia o Giurisprudenza) o in base al voto.

Nella graduatoria finale, quindi, peseranno di più le prove del concorso rispetto ai titoli di studio. Il dl semplificazioni non prevede, inoltre, fondi per le università telematiche e prevede, invece, che ai ricercatori a tempo indeterminato non vengano più affidati compito di tutorato e didattica integrativa. I ricercatori dovranno, dunque, fare ricerca, mentre fino ad oggi erano spesso utilizzati per alleggerire il carico di lavoro dei professori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il