BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni: tetto 40 anni nel 2012 non necessario anche con Riforma Decreto Monti

Ancora novità pensioni in riforma Monti: cosa cambia



Continuano ad esserci novità per quanto riguarda il capitolo pensioni della riforma Monti. L’ultima tocca il tetto dei 40 anni di contributi per andare in pensione. Dal primo gennaio 2012 è entrato in vigore per tutti il sistema retributivo pro rata per le anzianità contributive maturate fino al 31 dicembre 2011 e con il contributivo per quelle successive.

Il nuovo sistema riguarda coloro che hanno almeno 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995, la cui pensione veniva liquidata finora con il retributivo. Per gli altri soggetti non cambia nulla.

Considerando questo meccanismo, il nuovo sistema potrebbe portare benefici a coloro che, raggiunti i 40 anni di contributi con il retributivo, potrebbero aggiungere la quota contributiva dal 2012, abbattendo il tetto massimo dei 40 anni per il calcolo previsto dal retributivo.

La nuova riforma pensioni, ricordiamo, prevede inoltre l’abolizione delle finestre mobili, dal 2012 le pensioni di vecchiaia e anticipate avranno decorrenza dal mese successivo a quello di maturazione dei requisiti anagrafici e contributivi. Per chi entro il 31 dicembre 2011 ha maturato i vecchi requisiti di età e anzianità contributiva il diritto alla pensione sarà valutato con le regole pre-riforma.

La novità più importante entrata in vigore è l’estensione del sistema contributivo pro rata per tutti, seguito dall’abolizione del sistema delle quote, legate alla somma di età anagrafica e contributiva, per le pensioni di anzianità le uscite anticipate restano possibili solo con 42 anni e un mese di contribuzione per gli uomini e 41 anni e un mese per le donne.

Da gennaio 2012 è previsto, inoltre, l’immediato aumento a 66 anni (67 anni nel 2022) della soglia di vecchiaia per gli uomini e a 62 per le donne, che dovrà rapidamente salire a 66 anni entro il 2018 e che per tutti i lavoratori sarà agganciata a un sistema flessibile fino a 70 anni di età.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il