Mutui online 2012: richieste in forte crescita

Cresce la richiesta di mutui onlin: i motivi



Se gli ultimi dati ci dicono nel 2011 sono calate le richieste di mutui e l’inizio del 2012 sembrava seguire la stessa scia, dai nuovi dati emerge, invece, che sempre più italiani per i loro mutui si rivolgono sul web, basti pensare che rispetto ai tradizionali mutui collocati in banca, diminuiti nel 2011 del 20% circa, quelli distribuiti attraverso il canale online sono invece aumentati del 25% nello stesso periodo e oggi rappresentano il 6% del totale.

Il motivo per cui in tanti si rivoglono al web sono innanzitutto comodità e semplicità, per cui tranquillamente anche da casa propria ci si può connettere e cercare ciò che si desidera; poi numerosi aggregatori online permettono di confrontare più offerte in pochi minuti, gratuitamente, e in alcuni casi di procedere direttamente alla richiesta del mutuo senza bisogno di passare per le banche.

Tutto questo, ovviamente, risparmiando anche qualche punto percentuale sui tassi di interesse del finanziamento. A testimonianza di quanto stia crescendo il mercato dei mutui online, Edoardo Merenda, amministratore unico di Mutuiperlacasa.com, portale per il confronto e l'accensione online di mutui, ha confermato che “dopo un picco registrato nel mese di settembre, e poi una lenta discesa, nel 2012 il mercato online è ripartito alla grande e a gennaio abbiamo ricevuto più di 1.000 nuove richieste e contiamo di arrivare a 12mila nei prossimi 6 mesi”.

I mutui più richiesti online sono soprattutto per l'acquisto di prima casa, inoltre, su 10 mutui richiesti, 7 sono a tasso fisso, 2 sono a tasso variabile e 1 è a rata costante.

Ciò che cambia fra le richieste di un mutuo tra i canali tradizionali e quelli del web è l’importo richiesto. Se, infatti, chi si reca in banca per un mutuo  ne richiede uno da 115-120mila euro, chi, invece, ricorre agli intermediari del web, invece, stipula contratti per un importo medio di 150-170mila euro.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il