BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tagli stipendi parlamentari politici 1300 euro lordi ma non cambia nulla in realtà

Ok tagli stipendi deputati: saranno tagliati di 1.300 euro



Ieri, lunedì 30 gennaio, l'ufficio di presidenza della Camera ha annunciato con un comunicato una sforbiciata alle buste paga dei parlamentari. Nel comunicato si legge che i deputati guadagneranno 1.300 euro lordi in meno (circa 700 netti), un taglio che sarà anche maggiore per quegli onorevoli che svolgono un doppio incarico come i presidenti di commissione. Ma in realtà si tratta di un taglio illusorio, giacchè fondamentalmente non cambierà nulla, considerando che il taglio è stato attuato su una maggiorazione di stipendi che essi avrebbero dovuto ottenere.

La decisione, ha spiegato il vicepresidente della Camera Buttiglione, sarà immediatamente operativa. Il provvedimento, inoltre, spiega un comunicato del governo, si fonda su due principi,  innanzitutto sul fatto che il trattamento economico complessivo del primo Presidente della Corte di Cassazione diventa il parametro di riferimento per tutti i manager delle pubbliche amministrazioni.

In nessun caso l'ammontare complessivo delle somme loro erogate da pubbliche amministrazioni potrà superare questo limite; per i dipendenti collocati fuori ruolo o in aspettativa retribuita, presso altre pubbliche amministrazioni, la retribuzione per l'incarico non potrà superare il 25% del loro trattamento economico fondamentale. Resta valido il tetto massimo indicato in precedenza.

Con il tetto agli stipendi dei manager arriva però anche il taglio alle indennità dei vertici istituzionali: la Camera ha infatti deciso che taglierà del 10% l'indennità del Presidente Fini, dei vicepresidenti, dei questori, dei presidenti delle Commissioni parlamentari.

Alla Camera è stato, inoltre, deciso che potrà essere rimborsata in modo forfettario solo la metà dei contributi versati dal Parlamento per gli assistenti parlamentari. L'altra metà dovrà essere giustificata. Per quanto riguarda i deputati, uno studio esaminato dall'Ufficio di Presidenza della Camera dovrebbe finalmente porre fine alla questione sulla comparazione dei costi a livello europeo.

I deputati italiani, con una media dell'indennità parlamentare mensile di circa 5.000 euro (escluse le diarie giornaliere) a fronte dei 5.035 euro dei colleghi francesi, dei 5.110,31 tedeschi e, addirittura, dei 6.200 euro dei parlamentari europei.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il