BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Software Ibm per il Social Business: strategia e come funziona

Il mondo social si espande e Ibm lancia il nuovo software Connections: è la ricetta per la crescita



Anche Ibm vuole entrare nel favoloso mondo dei social e lo fa lanciando il nuovo software Connections per il social business.

Se il 2011 si è chiuso, a livello globale, con un fatturato in crescita del 7% ed è particolarmente aumentato il fatturato software, dell’8%, Paolo Degli Innocenti, Vice President SW Group IBM Italia, ha sottolineato anche l’importanza del Social, ammettendo “ci interessa molto il social, perché secondo gli analisti è un'area di crescita degli investimenti in campo It molto importante: fino al 2016 il giro d'affari delle applicazioni aziendali di social business crescerà secondo Forrester a un tasso del 61% annuo per arrivare a 6,4 miliardi di dollari, rispetto ai circa 600 milioni attuali. E’, dunque, uno scenario decisamente favorevole al lancio della nuova generazione della piattaforma di social networking Ibm Connections”.

Il nuovo software Ibm integra funzionalità sofisticate di business analytics e di monitoraggio dei dati in tempo reale, puntando non solo a servizi di messaggistica o posta elettronica, ma offrendo la possibilità di utilizzare strumenti di collaborazione avanzata di social networking e di social content, ma anche di social analytics, intesa come capacità di analizzare ed entrare nei processi per capirli, nuovo software pensato per mettersi al passo con i tempi, giacchè proprio negli ultimi periodi il social business è diventata una delle aree software su cui puntano i grandi colossi, Ibm compresa.

Una nuova tecnologia che sta cambiando il modo di lavorare e delle aziende e che si avvia ad un vero e proprio rinnovamento. Secondo Degli Innocenti, l'ambito social non può che contribuire in modo significativo ad una crescita vertiginosa cui Ibm punta.

La tendenza alla sempre maggiore diffusione del social è testimoniata, oltre che dalle previsioni di Forrester Research, secondo cui nel 2016 il giro d'affari sviluppato da collaboration e social si aggirerà intorno a 6 miliardi di dollari, dalla stessa Cio survey condotta da Ibm nel 2011 su un campione di 3000 Cio e responsabili IT da cui emerge che per il 55% tra le principali priorità da raggiungere vi è l'evoluzione dell'approccio social all'interno dell'azienda, con una connotazione del tutto business, teso a introdurre applicazioni social per incrementare la produttività e sviluppare il business aziendale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il