BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Posto fisso che monotonia e articolo 18: Monti su riforma lavoro a Matrix Canale 5

“Il posto fisso è monotono”: così il premier Monti a Matrix



Ieri sera ospite di Matrix su Canale 5, il premier Monti, intervistato da Alessio Vinci, dopo aver già presenziato all’edizione delle 20 del Tg5, dove ha rilasciato alcune dichiarazioni sullo spread e secondo cui “scenderà ancora”, negli studi di Matrix ha raccontato gli obiettivi del governo sul tema di lavoro: “I ragazzi dovranno cambiare spesso lavoro. Diciamolo, il posto fisso è monotono”.

Il premier ha affrontato la questione della riforma del lavoro e dell'articolo 18 e ha espresso il suo pensiero sul posto fisso: “I giovani si abituino all'idea di non avere più il posto fisso a vita. Che monotonia. E' bello cambiare e accettare delle sfide.

E poi: “L'art.18 non è un tabù e può essere pernicioso per lo sviluppo dell'Italia e il futuro dei giovani in un certo contesto ma può essere abbastanza accettabile in un altro contesto. Serve una modifica del sistema di flessibilità in entrata e in uscita ed è essenziale una riforma degli ammortizzatori che tuteli il singolo lavoratore quando deve cambiare lavoro, senza legare la tutela del lavoratore a un posto di lavoro che diventa obsoleto”.

L’affermazione di Monti sulla monotonia del posto fisso ha però scatenato diverse polemiche. Si potrebbe anche essere d'accordo con Monti su questo punto, se, però, davvero prima fossero garantiti ammortizzatori sociali reali per chi perde posti di lavoro come in Danimarca, Norvegia, Usa, UK, dov’è istituito il salario minimo per chi non ha lavoro e fino a quando non lo riprende.

Il lavoro deve essere riformato da zero soprattutto per i giovani e solo una volta concluso questo processo di rinnovamento si potrà pensare al fatto che il posto fisso sia una monotonia. Oggi, però, che la situazione economica in versa l’Italia è davvero critica, affermare una cosa del genere sembra decisamente azzardato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il