Spread bpt-bund più basso: mutui, prestiti, bot e btp cosa cambia

Lo spread cala: cosa cambia per il quadro economico d’Italia



Lo spread continua a rimanere sotto la soglia dei 400 punti, raggiungendo i livelli più bassi da giugno con spread btp-bund a 374 punti. Il differenziale di rendimento tra i nostri buoni decennali e quelli tedeschi al momento è sui 386 punti base, con un rendimento sul titolo a 10 anni che resta quindi sotto il 6%, a quota 5,71%.

Confermato quindi il trend positivo della giornata di ieri che ha visto lo spread scendere ai minimi dallo scorso 7 dicembre. Il calo sotto la soglia del 4% del differenziale di rendimento fra i titoli di Stato decennali italiani e tedeschi è una buona notizia per il nostro paese, ma i risvolti favorevoli per banche, investitori, famiglie e imprese non sono poi così immediati quanto lo sono per i conti dello Stato.

L’impennata degli spread sui mutui di nuova erogazione per le famiglie e i tassi quasi proibitivi a cui certe imprese possono ottenere i finanziamenti sono un problema difficile da risolvere a breve e i banchieri spiegano che sono e le stesse imprese, sfiduciate e colpite dalla crisi, a non chiedere denaro.

L’abbassamento dello spread rappresenta anche un risvolto positivo per le banche, visto che è sinonimo di affidabilità del Sistema Italia. Ciò significa che se lo spread dovesse continuare a scendere, le banche italiane potrebbero tornare sul mercato per emettere bond.

La discesa rapida del differenziale di rendimento tra titolo tedeschi e titoli italiane è stata avvertita soprattutto dai risparmiatori che hanno acquistato BTp nella fase più critica. Il calo dello spread nelle ultime settimane ha portato ad un  rialzo dei prezzi e  vendere oggi i titoli acquistati a novembre produrrebbe un buon guadagno, soprattutto per chi ha optato per scadenze comprese fra 2 e 5 anni (qui lo scarto rispetto alla Germania si è ridotto rispettivamente a 288 e 356 punti base).

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il