BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Volunia: presentazione ufficiale. I pro e contro

Novità e pregi di Volunia: sarà un successo? Il parere degli esperti



E' stato ieri il giorno del grande debutto: Massimo Marchiori ha presentato Volunia, il nuovissimo motore di ricerca tutto italiano, nato per sfidare Google e capace di combinare web e social. Marchiori in occasione della presentazione ha detto: “Abbiamo deciso di dare al pubblico quanto fatto finora e abbiamo molte altre funzioni che aggiungeremo.

La particolarità di Volunia è che non abbandona gli utenti, ma li guida attraverso la scoperta di una nuova esperienza web, fornendo loro una barra degli strumenti sempre presente nella parte alta della pagina web. È possibile effettuare ricerche mirate all’interno di ogni sito Internet, sfruttando una mappa e una sorta di navigatore che schematizza i siti e li suddivide per contenuti.

Gli utenti di Internet, quindi, possono restringere la ricerca impiegando dei filtri. Se si attiva la funzione social, continua a spiegare Marchiori, si rinuncia all’anonimato durante la visita di una pagina web e si accetta quindi di segnalare ad altri utenti la propria presenza. In questo modo, quando apriamo un sito Internet possiamo vedere chi c’è o chi c’è stato.

Poi Volunia comunicherà agli utenti in tempo reale le persone collegate al sito, alle quali si potrà chiedere l’amicizia in base a un interesse comune”. Il lancio di questo nuovo motore di ricerca potrebbe diventare un vero successo, secondo Marcello Tansini, di webmasterpoint, se il motore migliorasse la ricerca dei siti, considerando che Marchiori è famoso per l'algoritmo di Google, per cui se i risultati nel motore e le modalità di ricerca fossero nuove rispetto a quelle attuali, questa novità si rivelerebbe decisamente vincente.

Luca DE Biase, giornalista sole24ore, ritiene che Volunia sarà adottato, innanzitutto per la curiosità di cercare i siti in modo più sintetico e panoramico, considerando che la funzione di mappatura dei siti e la capacità di Volunia di mostrare preview delle pagine in funzione dei loro contenuti multimediali, oltre alla visione in tempo reale della quantità di persone che stanno consultando le diverse pagine di quei siti, sembra in grado di interessare sia i cercatori più attenti che quelli più frettolosi.

E poi perché legato alle funzionalità sociali, per cui offre la possibilità di conoscere e interagire con persone in base al comune interesse per le stesse pagine, dunque gli stessi argomenti. Secondo Giacomo Dotta di Webnews.it, Volunia porta avanti un'idea meritevole la cui efficacia però deve essere ancora sperimentata e di cui non si può parlare di successo a prescindere.

In generale, comunque, il nuovo motore di ricerca mette in luce una dimensione del Web che spesso nessuno considera, perché sulla base del Web sta provando a costruire l’altezza social. Secondo Riccardo luna ex direttore di wired, Volunia è un progetto importante: è stato pensato in Italia, finanziato in Italia e realizzato in Italia da ricercatori italiani che su questa impresa hanno scommesso tutto per due anni. Persino i server sono italiani.

“Il fatto che da una università italiana parta una sfida così ambiziosa dovrebbe inorgoglirci. Non perché quelli che hanno lavorato a Volunia ce la faranno: ma perché ci stanno provando. Fare le cose, fare innovazione in Italia è difficilissimo. Un pò perché nessuno ti aiuta, anzi, quando può lo Stato ti ostacola, e un pò perché denigrare chi non si arrende e ci prova comunque è un praticatissimo sport nazionale.

Marchiori ha creato un motore di ricerca che sposa alcune caratteristiche di Google e di Facebook, aveva i titoli per farlo, avendo immaginato nel 1997 l'algoritmo che sta alla base di Google, e soprattutto avendo rinunciato a soldi e gloria per restare in una università italiana a insegnare non solo matematica, ma la passione per la innovazione agli studenti.

Nessuno oggi può dire se Volunia avrà successo, se il fatto di sapere chi altro ha visitato o sta visitando una certa pagina web sia davvero una informazione rilevante e se davvero vogliamo chiedere l'amicizia a qualcuno solo perché stiamo vedendo lo stesso documento. Ma Volunia ha comunque un forte contenuto di innovazione e questo è un valore che non si cancella anzi, era giusto metterlo in gioco. Provarci”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il