BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti online 2012: bonifici, pagamenti e per acquisto titoli

Cresce la diffusione dei conti correnti online: le operazioni più effettuate



Aprire un conto corrente è un’operazione da svolgere in maniera molto attenta considerando i costi che essi potrebbero comportare. Le proposte a sostegno dei clienti offrono anche conti a zero spese che non prevedono cioè costi di apertura, chiusura e gestione, ma spesso a zero spese o con spese minime sono anche i conti correnti online, decisamente più comodi e veloci per chi desidera effettuare operazioni direttamente da casa propria senza recarsi in filiale.

Cresce negli ultimi mesi la diffusione di conti correnti online e, secondo il settimo rapporto su ‘La multicanalità delle banche’ messo a punto dal Consorzio Bancomat con Abi, condotta su un campione di 273 banche, i conti correnti abilitati ad operare via internet sono 17,3 milioni, in aumento di oltre il 12% rispetto al 2009.

Bonifici, pagamenti e compravendita di titoli: questi sarebbero soprattutto i servizi web che rendono la vita più semplice ai 17 milioni di correntisti online. Sempre dal rapporto emerge che le informazioni su saldo, movimenti e condizione del conto è l’operazione più compiuta (823 milioni di informazioni), al secondo posto troviamo i bonifici, basti pensare che nel 2010 ne sono stati fatti 57,4 milioni via internet (pari al 40% del totale), per un valore complessivo di oltre 68,2 miliardi di euro.

A seguire ci sono le ricariche del cellulare (33,3 milioni per un miliardo di euro), i pagamenti online (31,4 milioni per 36,3 miliardi di euro) e le ricariche delle carte prepagate (7,6 milioni per 493 milioni di euro). Dal rapporto emerge anche che il rapido diffondersi di cellulari di nuova generazione, smartphone e tablet ha fatto coincidere le abilitazioni al mobile banking con quelle al canale online.

Consentendo di navigare in mobilità, infatti, questi nuovi dispositivi permettono ai clienti delle banche di accedere, sempre e dovunque, al proprio conto corrente e ai servizi bancari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il