BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni banche: Intesa, Unicredit, Generali. Offerte 2012 a confronto con Btp-Bot

Le banche italiane pronte a ripartire: la situazione



Il settore bancario sembra tornato a crescere e le banche stesse provano a rialzarsi dal periodo di terribile buio degli ultimi mesi e, sulle scadenze brevi, fino a 3 anni, i bond bancari, cioè le obbligazioni emesse dagli istituti di credito e quotate in borsa penalizzate fortemente dalla crisi, arrivano oggi ad offrire rendimenti del 4-4,5%, vale a dire circa un punto in più rispetto ai Btp di pari durata.

Si tratta di un risultato decisamente positivo, che però ha dovuto attraversare le montagne russe dei mercati turbolenti. Secondo un’analisi di CorierrEconomia, le emissioni senior con scadenza 2014 oscillano tra un rendimento del 3,98% del bond di Intesa Sanpaolo al 4,71% dell’obbligazione emessa dal Banco Popolare.

La differenza sta nel rating molto diverso dei due emittenti. Intesa, che è considerata la banca italiana più solida, ha infatti per S&P un rating A-. Banco Popolare, al contrario, gode di un merito di credito tripla B. Appetibile dal punto di vista della sicurezza e del rendimento, è l’emissione di Generali Assicurazioni (rating A-) con scadenza 2024, mentre il titolo con scadenza 2021 emesso da Unicredit (lower tier II) paga una cedola che raggiunge il 7,73%.


Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il