Azioni Borsa e obbligazioni societarie: 2012 può essere anno giusto per investire. Consigli

Corporate bond e azioni: il 2012 riparte dagli investimenti



Riprendono ad offrire grande sicurezza le obbligazioni societarie, o corporate bond, obbligazioni emesse da banche, aziende e società private al fine di finanziarsi e ottenere liquidità.

Con un ritorno alla tranquillità, i gestori consigliano di investire in obbligazioni ma anche in Borsa, quest’ultima opazione dedicata soprattutto a chi ama rischiare di più. Tra i principali emittenti di corporate bond nel mercato italiano figurano, per esempio, le banche e le società industriali.

Dopo il declassamento dei titoli pubblici italiani, scivolati da A- a BBB+, e di molti altri paesi europei, le obbligazioni societarie si sono rafforzate rispetto ai titoli pubblici dei paesi più indebitati dell’area euro, e sono in grado di garantire rendimenti superiori rispetto a quelli dei titoli pubblici dei paesi più virtuosi, cioè di quelli che hanno mantenuto la doppia A, come Francia e Austria, o la tripla A, come Germania, Olanda, Finlandia.

Secondo le previsioni, il 2012 sarà l’anno giusto per scegliere di investire in obbligazioni societarie. I risparmiatori che intendono investire in bond avranno l’imbarazzo della scelta in questo 2012 tra obbligazioni bancarie, societarie e governative, con rischi limitati e buoni rendimenti.

Partendo da quelle bancarie, la stima delle obbligazioni dei principali gruppi bancari italiani in scadenza nel 2012 è tra 85 e 100 miliardi e ciò significa che i correntisti dei maggiori istituti di credito del nostro Paese potrebbero ricevere agli sportelli una buona offerta di bond e la concorrenza delle banche italiane sarà molto forte.

Per quanto riguarda, invece, le azioni in Borsa, meglio puntare in questo momento su società con bilanci solidi, con forte posizionamento di settore e con buone prospettive anche in caso di rallentamento economico; società specializzate nell’estrazione di materiali industriali e carbone, bene anche i settori dell’energia e dell’industria mineraria in generale, i leader del lusso e i settori difensivi come la salute, i prodotti per l’igiene domestica e i titoli delle aziende specializzate nella cura della persona.

Ottime anche le performance del settore biotech. Fra le migliori azioni italiane su cui puntare Eni, Fiat, Pirelli, Saipem, ma anche Luxottica e Tod' s, e un colosso dell' elettronica come StMicroelectornics. Bene anche Fiat e Fiat Industrial e risultati positivi anche per Pirelli&C balzata del 10%, Campari +5,7%, Pirelli e Goodyear, Lottomatica.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il