BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu regolamento 2012 e aumento iva al 23% nel decreto fiscale Monti. Tutte le novità.

Le novità del dl fiscale: cosa prevedono



Norme contro l'evasione fiscale, semplificazioni ma anche di correttivi al federalismo municipale con ritocchi alla nuova Imu e nuovi ritocchi all’insù per l’Iva: dovrebbe arrivare oggi all’esame del Consiglio dei Ministri il decreto fiscale che dovrebbe poi essere varato al massimo entro giovedì della prossima settimana.

Il nuovo pacchetto prevede una proroga dei termini per i Comuni, che saranno in ritardo, per l’approvazione dei propri bilanci al 30 giugno (oggi è il limite è fissato al 31 marzo).

Di conseguenza il 16 giugno, data in cui debutterà l’Imu sulla prima casa al 4 per mille e al 7,6 per le seconde case, si pagherà l’acconto del 50% sull’aliquota-base. I Comuni tuttavia avranno tempo fino al 30 giugno per aumentare o diminuire dello 0,2 (prima casa ) e 0,3 (seconda casa) le aliquote Imu e a fine anno, il 16 dicembre, in sede di conguaglio si applicheranno le nuove aliquote.

Per quanto riguarda poi l’Imu sui fabbricati rurali, fino ad oggi esenti dall’imposta, da quest’anno saranno soggetti al quattro per mille come aliquota base. Per tutti gli immobili da quest’anno cambierà anche la base imponibile che subirà un aumento fino al 60% della rendita catastale.

Per quanto riguarda invece le misure per contrastare l’evasione fiscale, si parla del ritorno del cosiddetto elenco clienti-fornitori, cancellato dal governo Berlusconi, per cui tutte le aziende e i professionisti dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate le fatture emesse o pagate. Un meccanismo che sembrerebbe accettato anche dalle categorie interessate e che potrebbe sostituire lo spesometro che attualmente impone di comunicare al fisco gli acquisti oltre i 3.600 euro.

 
Autore:

Marcello Tansini

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il