Pensioni: conti correnti gratis in decreto liberalizzazioni. Ipotesi pagamento in Bot

Conti gratis per i pensionati e pagamenti pensioni in Bot: le ultime proposte



La novità sulla tracciabilità dei conti e sui pagamenti in contanti che non possono superare la soglia dei mille euro, costringe da quest’anno molti pensionati a dover aprire un conto corrente per ricevere pensioni superiori ai mille euro che recandosi alle Poste non potranno più essere ritirate in contanti.

All’inizio dell’anno si parlava di un accordo con le banche per dare la possibilità ai pensionati, che probabilmente in vita loro mai hanno avuto a che fare con un conto corrente, di avere conti base senza spese e facili da gestire, oggi arrivano altre novità per i pensionati, o almeno quelli con un assegno fino a 1.500 euro, perché abbiano conto corrente gratis.

Questo, infatti, è uno dei punti di intesa dei relatori al decreto liberalizzazioni, Filippo Bubbico (Pdl) e Simona Vicari (Pdl). Per quanto riguarda la tenuta del conto corrente il Pdl, con il suo capogruppo in commissione Industrai Enzo Ghigo, ha presentato un emendamento in base al quale le banche sono tenute a non far pagare spese di apertura e di tenuta del conto ai pensionati con assegno fino a 1.500 euro.

La proposta avanzata dalle due senatrici del Pd, Rita Ghedini e Anna Rita Fioroni, esenterebbe, invece, tutti i pensionati. Altra modifica dell'articolo 27 proposta è che Abi, Poste italiane e Consorzio Bancomat stabiliscano delle commissioni più basse all'uso delle carte.

Secondo la leader della Cgil, Susanna Camusso, “Le pensioni e le retribuzioni sopra un certo reddito dovrebbero essere pagate in titoli di Stato, per riportare il debito nel nostro Paese e non darlo alla speculazione. Bisognerebbe anche dire alle banche di investire i soldi che hanno nell'economia reale. C'è un problema che è sollecitare le banche a dare credito alle imprese e alle famiglie”.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il