BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma lavoro Monti: sussidio per chi viene licenziato. No mobilità. Novità in discussione

Le novità della riforma lavoro 2012 Monti- Fornero



Proseguono i confronti sulla riforma lavoro 2012 Monti- Fornero e mente continuano gli incontri con le parti sociali, il premier ribadisce “Siamo molto fiduciosi che entro la fine di marzo presenteremo al Parlamento un provvedimento sul lavoro con l'accordo delle parti sociali. Lo presenteremo comunque, speriamo con l'accordo delle parti sociali. Venerdì il Cdm esaminerà il pacchetto di semplificazioni fiscali. Vogliamo rendere la vita più semplice ai contribuenti onesti attraverso il gettito proveniente dalla lotta dell'evasione”.

Insieme al contratto unico di cui si è tanto parlato, pensato per ridurre quella frammentazione contrattuale attualmente esistente, alla questione della cassaintegrazione su cui si sta discutendo, all’art 18 tanto dibattuto, in discussione anche un nuovo sussidio di disoccupazione su base assicurativa che dovrebbe essere unico e sostituire quindi tutte le indennità esistenti dopo la perdita del posto di lavoro (disoccupazione ordinaria, con requisiti ridotti, mobilità), la riforma degli ammortizzatori sociali che si farà ma non potrà partire prima dell'autunno 2013, e Cig anche per imprese sotto i 50 dipendenti.

Per il ministro del Lavoro Elsa Fornero potranno usarla anche credito, assicurazione e commercio sotto i 50 dipendenti. Per Fornero occorre rendere più conveniente la stabilizzazione dei lavoratori a tempo indeterminato rispetto ai contratti a termine, con un sistema di incentivi in tal senso. Sulla flessibilità in entrata le imprese presenteranno al governo un documento comune.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il