BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Stipendi manager pubblici online su Internet dopo i ministri. Ma lista nomi è breve

Gli stipendi dei manager online: quanto guadagnano



Dopo la pubblicazione online dei redditi dei ministri, approda sul web anche la lista degli stipendi dei manager. Nei siti dei ministeri si trovano gli stipendi dei dirigenti anche di seconda fascia, ma non le retribuzioni reali dei più alti in grado.

Nel 2010 il vicepresidente di Equitalia, come si ricava dall'ultima relazione della Corte dei conti su quella società, aveva un compenso complessivo di 465 mila euro. Somma addirittura superiore di 170 mila euro al tetto del salva Italia, ma anche a quello, identico, già fissato dal regolamento scritto da Renato Brunetta un paio d'anni fa, secondo il quale nessun incarico aggiuntivo avrebbe comunque potuto oltrepassare lo stipendio del primo presidente di Cassazione.

In generale, i manager di Stato non hanno proprio voglia di rendere pubblici i loro redditi, ma qualche stipendio illustre è filtrato: per esempio, quello del capo della Polizia, Antonio Manganelli, si aggira sui 650 mila euro lordo, il comandante generale dei Carabinieri, Leonardo Gallitelli, si ferma a 380 mila mentre il comandante generale della Guardia di Finanza, Nino Di Paolo, a 390.

Il presidente dell'Autorità per l'energia e il gas, ingegnere Guido Pier Paolo Bortoni, guadagna 475.643 euro l'anno, stessi redditi per l’Autorità garante della concorrenza e del mercato e per l'Autorità per le comunicazioni. E poi c'è il presidente Consob, Giuseppe Vegas che guadagna 387 mila euro lordi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il