BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elenco clienti-fornitori al posto dello spesometro in decreto semplificazione 2012

Torna l'albo clienti-fornitori: addio allo spesometro



Torna l'albo clienti-fornitori, soppresso da Tremonti nella manovra finanziaria del 2008, uno dei punti più importanti che il governo varerà nel consiglio dei ministri di oggi.

La misura più importante per le imprese e i professionisti, sarà la scomparsa dell'obbligo di comunicazione telematica al Fisco di tutte le operazioni di compravendita superiori ai 3 mila euro che comportano l'obbligo di emettere fattura, quindi anche nei confronti di privati.

La segnalazione degli acquisti e delle vendite, che doveva servire ad alimentare la banca dati dello spesometro di cui l'Agenzia delle Entrate si serve per gli accertamenti sui redditi dei contribuenti, sarà sostituita dal ritorno del vecchio elenco dei clienti e dei fornitori che deve essere trasmesso una volta l'anno.

Alcuni ritengono sia il più importante e decisivo degli strumenti anti-evasione che impone l’obbligo per l’imprenditore o per il professionista di trasmettere al fisco gli estremi di chiunque scambi con lui merci o prestazioni.

L’anno scorso, l’allora ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, introdusse il cosiddetto spesometro per le transazioni superiori a tremila euro,ma la sua entrata in vigore è stata sempre rimandata. Torna, dunque, il vecchio elenco clienti-fornitori e i tecnici del Tesoro assicurano che, grazie alla trasmissione telematica, sarà molto più semplice dello spesometro.

Tra le altre novità anti evasione previste dal dl semplificazioni, la possibilità di ottenere una rateizzazione ancora più morbida dei debiti con Equitalia, benefici fiscali chi ha presentato domande con piccoli errori formali, deroghe alle restrizioni nell’uso dei contanti da parte dei turisti stranieri, sanzioni più pesanti per chi compie illeciti valutari o sulle accise, aumentano i poteri di indagine della Guardia di Finanza in sede di indagine, nuova stretta alle compensazioni Iva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il