BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Divorzio abbreviato più veloce: tempi, regole e condizioni

Si al divorzio in un anno: cosa cambia



Basterà aspettare un anno e non più tre per avere il divorzio se non ci sono figli o questi sono maggiorenni. Il primo sì al cosiddetto divorzio breve è arrivato grazie a un'intesa bipartisan, in particolare di Pdl e Pd, nella commissione giustizia della Camera.

Il testo è costituito da due soli articoli: il primo abbassa appunto di due terzi il tempo di attesa tra separazione e divorzio; il secondo prevede che in ogni caso la comunione tra marito e moglie si sciolga nel momento in cui il magistrato, in sede di udienza, li autorizzi a vivere separati.

La scorsa settimana la commissione aveva respinto un emendamento della centrista Paola Binetti che chiedeva di mantenere il termine di tre anni in caso di coppia con figli piccoli e di abbassarlo a due anni per chi ha figli maggiorenni o è senza prole.

La proposta di legge approvata dalla commissione ‘è semplicemente una norma di civiltà’ ha commentato il relatore Maurizio Paniz, del Pdl. Secondo le statistiche dell'Istat, riferite al 2009, più di un matrimonio su 4 finisce male.

In media si divorzia dopo 18 anni di matrimonio e se in media ci si separa quando lei raggiunge i 41 anni (21,2% del totale dei casi) e lui i 45 (21,2%), sono in forte aumento gli addii tra i coniugi over 60. Nella classifica tra Nord e Sud, le separazioni sono al minimo nel Sud.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il