BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Mutui: assicurazioni con due preventivi obbligatori con liberalizzazioni Monti 2012

Le novità assicurazioni mutui del dl liberalizzazioni 2012: cosa prevedono



I mutui non saranno vincolati all'apertura di un conto corrente e polizze vita scelte direttamente dal cliente: queste le novità de del liberalizzazioni. Secondo il decreto, l’erogazione di un mutuo non potrà essere vincolata all'apertura di un conto corrente presso la medesima banca, istituto o intermediario.

Per quanto riguarda le assicurazioni, la novità prevede che l’istituto di credito che concede un mutuo sottoponga al cliente almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi non riconducibili alle banche, agli istituti di credito e agli intermediari finanziari stessi e il cliente sarà libero di scegliere sul mercato la polizza sulla vita più conveniente che la banca è obbligata ad accettare senza variare le condizioni offerte per l'erogazione del mutuo.

Via libera anche alla possibilità di conti a costo zero per i pensionati con assegno sino a 1.500 euro. Ed è contro quest’ultima novità che si sono schierate le banche: considerando che in Italia i pensionati sono 16,7 milioni, di cui 9 milioni percepiscono l'assegno pensionistico sul conto corrente bancario, e considerando costi medi di un conto corrente di 110 euro, le banche stimano in 1 miliardo di euro all'anno l'impatto della manovra sui bilanci. Ed è da questo che nasce il loro malcontento.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il