BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Liberalizzazioni professionisti: preventivo scritto non obbligatorio

Salta l’obbligo di preventivo per i professionisti: cosa prevede la modifica



Avvocati, architetti, commercialisti e gli altri professionisti non avranno l’obbligo di preventivo scritto: il compenso del cliente dovrà essere pattuito e sarà necessario un preventivo di massima, ma scompare la forma scritta se richiesta dal cliente. Sempre in materia di tariffe è stato soppresso l’illecito disciplinare per i professionisti che non rispettano le nuove regole stabilite dal decreto e legge.

La norma prevedeva che l’inottemperanza di quanto disposto nel presente comma costituisce illecito disciplinare, ora invece, la norma è stata soppressa e con essa l’illecito disciplinare.

Altra novità che riguarda i professionisti è quella per cui cambia il modo di costituire le società: i soci che investono senza avere il titolo potranno detenere solo una quota di minoranza.

Ma in ogni caso, secondo quanto riporta l’emendamento, il numero dei soci professionisti o la loro partecipazione al capitale sociale deve essere tale da determinare la maggioranza di due terzi nelle deliberazioni o decisioni. Si torna, inoltre, a parlare della possibilità di costituzione di srl semplificata per i giovani al di sotto dei 35 anni.

Sarà necessario un atto notarile, ma del tutto gratuito. Buone notizie anche per i tirocinanti, per cui verrà corrisposto un rimborso forfettario dopo i primi sei mesi e la durata del tirocinio non potrà essere superiore ai 18 mesi.


 
Autore:

Marcello Tansini

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il