BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Moratoria prestiti imprese-banche 2012: blocco per un anno. Come funziona adesione e condizioni

Oggi la firma per moratoria di 12 mesi su prestiti imprese: tassi di interesse invariati



E’ prevista per oggi la firma della moratoria sui prestiti alle piccole e medie imprese, per allentare la morsa del credit crunch che si fa sentire in questa fase di crisi. Per il mondo imprenditoriale rappresenta una fondamentale boccata d'ossigeno.

Tra problemi di prestiti da parte delle banche e sofferenze a causa della crisi, la situazione delle imprese italiane non è certo delle migliori, tanto che pochi giorni fa il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, ha esortato le banche ad evitare che le aziende possano entrare in asfissia creditizia, affermando che a dicembre 2011 si è verificata una contrazione record dei prestiti all'economia di 20 miliardi. La carenza di credito alle imprese non aiuterebbe l'uscita dalla recessione.

Le linee guida dell'accordo prevedono il nuovo rinnovo della moratoria di 12 mesi per i mutui e di sei mesi per i leasing che riguarderà i finanziamenti a medio e lungo termine.

Le imprese potranno così chiedere fino al 31 dicembre la sospensione delle rate di rimborso. L'adesione alla moratoria non comporterà l'aggiornamento del tasso di interesse applicato al prestito.

Alla moratoria potranno accedere anche le imprese che hanno già beneficiato dell'accordo del 2009, ma solo per i contratti di finanziamento che non hanno già usufruito della vecchia moratoria. I vecchi prestiti che hanno già beneficiato della sospensione potranno godere invece di un allungamento del periodo di rimborso, distribuendo su una durata più lunga e quindi su più rate l'importo residuo.

L'accordo prevede che in questo caso il prolungamento dei tempi di pagamento senza sospensione non potrà essere superiore al doppio del tempo residuo previsto dal piano di ammortamento originario. Il tasso di interesse resterà invariato solo se sommando la durata residua e quella derivante dal prolungamento non va oltre la fine del 2015.

La moratoria, che dal 2009 è stata costantemente rinnovata, come scrive un comunicato dell'Abi, ha consentito di lasciare a circa 260mila imprese 15 miliardi di liquidità, a disposizione dell'economia reale.
 

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il