BusinessOnline - Il portale per i decision maker








No Tav: blocchi e proteste strade, treni e autostrade in tutta Italia. Situazione aggiornata

Continuano le proteste No Tav. Cancellieri: “L’opera va avanti”



Dopo una lunga giornata di tensioni, scontri e feriti, il Movimento No Tav per fermare il supertreno Torino-Lione ha portato la protesta fuori dalla Val di Susa, a Torino, in Piemonte, in tutta Italia.

I leader del movimento, nell'assemblea di Bussoleno seguita alla rimozione dei blocchi sull'autostrada A32 (in serata rioccupata e poi liberata senza incidenti), allo sgombero dei manifestanti, avevano indicato anche un'ora precisa: alle 18 ‘blocchiamo tutto’.

E così è stato: la protesta è dilagata da Trieste a Bologna, da Paola a Genova, da Bergamo a Roma, da Napoli a Milano e hanno bloccato treni e stazioni (a Torino, Genova, Ancona e Paola), occupano strade (a Trieste e Torino) e tangenziali (a Torino e Bologna), invaso uffici e sedi di partito (quella del Pd a Roma). Proteste anche a Salerno, Catania e Trieste.

A Roma un gruppo di manifestanti si è introdotto nella sede nazionale del Pd: “Chiediamo la liberazione di tutti gli arrestati”. Il segretario nazionale del Pd, Pier Luigi Bersani, ha detto: “Siamo disponibili giorno e notte per parlare con chiunque, purchè si distingua la protesta dalla violenza”. Iniziative anche a Genova, dove un gruppo di attivisti ha bloccato il varco portuale di ponte Etiopia. A Bologna militanti del centro sociale ‘Laboratorio Crash’ hanno occupato il punto informativo sull’Alta Velocità dietro alla stazione ferroviaria.

Per Fassino l’alta velocità è un investimento strategico fondamentale per lo sviluppo e la crescita del nostro Paese e della Regione. Il ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri: “La violenza non sarà tollerata. Con i sindaci siamo pronti a qualsiasi tipo di dialogo, ma l'opera va avanti, non ci sono dubbi su questo”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il