BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui: rate non si riescono a pagare. Come non fare pignorare la casa

Rischio pignoramento: come evitarlo



Nonostante le riprese del mercato, le Borse che salgono e lo spread che scende, la condizione finanziaria delle famiglie italiane continua ad essere critica: sale il costo del carrello della spesa e in molti hanno anche difficoltà a pagare le rate del mutuo, oltre il problema del tasso di disoccupazione che sembra crescere soprattutto fra i giovani.

Il quadro della situazione italiana non è, dunque, delle migliori. Per non rischiare sanzioni e pignoramenti, è bene, dunque, correre ai ripari prima di incappare in spiacevoli conseguenze. Ma il pignoramento non conviene non solo al mutuatario ma neanche al creditore, costretto poi a sostenere costi per recuperare la liquidità agendo sull’ipoteca e vendendo la casa all’asta.

Eppure gli ultimi dati non sono confortanti: dall’ultimo bolletino Abi (Associazione bancaria italiana) emerge che a fine anno le sofferenze sono salite al 3,14% rispetto al 2,43% di dicembre 2010. La legge italiana non è poi così rigida in materia di pignoramenti e prima che il debitore possa arrivarvi deve collezionare una serie di ritardi nei pagamenti.

L’articolo 40 del Testo unico bancario stabilisce, infatti, che quando il pagamento di una rata viene effettuato con un ritardo compreso fra 30 e 180 giorni il debitore può evitare azioni esecutive pagando solo gli interessi di mora. Solo dopo sette ritardati pagamenti scatta la misura e il creditore può chiedere il rimborso immediato dell’intero debito.

In questo caso potrebbe anche far scattare la procedura di pignoramento dell’immobile. Ma il cartellino rosso scatta anche dopo un solo pagamento in ritardo, nel caso siano trascorsi più di 180 giorni dalla scadenza prestabilita nel piano di ammortamento dell’ente erogante.

Proprio per venire incontro alle esigenze delle famiglie che più stanno affrontando difficoltà in questo momento, l’Abi ha prorogato fino al 31 luglio 2012 la possibilità di attivare la sospensione per 12 mesi del pagamento delle rate mensili su un finanziamento ipotecario nell’ambito del ‘Piano famiglie’.

Possono beneficiare della misura coloro che stanno rimborsando un mutuo prima casa di importo fino a 150mila, che abbiano un reddito imponibile non superiore ai 40mila euro e che nell’ultimo anno abbiano subito eventi particolarmente negativi (morte, perdita dell’occupazione, insorgenza di condizioni di non autosufficienza, ingresso in cassa integrazione).

Altro sostegno ai cittadini è una novità prevista dal decreto liberalizzazioni, e cioè la possibilità del mutuo portabile e rinegoziabile, senza alcun addebito e perdite di tempo. Per evitare pignoramenti, si potrebbe anche ricorrere alla nuova formula del prestito per pagare un prestito già in corso, pratica che nasce dalla necessità delle famiglie di continuare a vivere ‘bene’ come prima della crisi, ma sempre attanagliate nel dover rimborsare le rate dei finanziamenti richiesti alle banche, per cui richiedono nuovi prestiti per rimborsare quelli già ottenuti.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il