BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti zero spese 2012: migliori offerte. Confronto Marzo 2012

I migliori conti a zero spese di marzo 2012: quale scegliere



I conti correnti, insieme ad altri strumenti finanziari, saranno d’ora in poi necessari a tutti per ricevere e pagare somme superiori ai mille euro o anche per ritirare pensioni superiori alla medesima cifra. Ecco allora che fioccano le offerte di conti correnti ma prima di sceglierne uno è bene valutarne tutti i parametri.

La convenienza di alcuni conti risiede nel fatto che essi sono a zero spese, non prevedono cioè costi di apertura, chiusura e gestione. Tra i migliori conti a zero spese di questo marzo 2012 c’è conto BNL Revolution, che offre operazioni illimitate incluse, canone annuo gratuito, prelievi gratuiti presso altre banche e il pagamento di 4,50 euro per bonifici allo sportello.

A seguire troviamo Conto Credem Zero Assoluto, che ha un canone annuo gratuito per il primo annuo, dal secondo in poi sarà gratuito solo per giacenze medie oltre i 5.000 euro e sarà di 64 euro per giacenze inferiori.

Offre poi operazioni incluse illimitate, prelievi gratuiti presso altre banche per il primo anno, mentre i bonifici allo sportello costano 3 euro e uno se verso stessa Banca Credem. C’è poi il Conto Genius Unicredit a zero spese che offre carte bancomat e V pay gratuite, bonifici gratuiti, saldi ed estratti conto online gratuiti, condizioni vantaggiose anche per lo svolgimento di operazioni presso le filiali Unicredit.

La Genius Card permette poi di prelevare a costo 0 da circa 7.800 sportelli bancomat UniCredit, pagare in euro senza commissioni nei negozi e online, pagare online tasse universitarie/ricaricare il cellulare, effettuare e ricevere bonifici, accedere al mobile banking anche via Smartphone e accumulare punti fedeltà Nectar.

C’è poi il conto Facile di Intesa Sanpaolo che prevede un canone annuo di 48 euro, 2 euro per prelievi presso altri sportelli, e per quanto riguarda i bonifici allo sportello, costeranno 2,50 euro su banche del gruppo e 3,50 euro su altre banche.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il