Movimento dei Forconi di nuovo in piazza in Sicilia. Proteste ma nessuno ne parla

Tornano a protestare i Forconi: cosa chiedono



Il Movimento dei Forconi è tornato a farsi sentire, con nuovi presidi davanti ai comuni e nei porti siciliani ma niente blocchi stradali e delle raffinerie e al momento non è partito neanche alcuno sciopero dei benzinai, come si temeva.

Gli obiettivi della protesta sono quelli di mandare a casa la classe politica che ha distrutto l'economia siciliana ma la parola d'ordine, comunque, è non creare disagi alla cittadinanza. Intanto, 14 componenti della delegazione del movimento dei Forconi hanno trascorso la notte negli uffici di una commissione legislativa all'Assemblea regionale siciliana.

E oggi è prevista una nuova riunione tra il presidente dell'Ars, Francesco Cascio, alcuni assessori, il Presidente della Serit Sicilia, Benedetta Grazia Cannata e la delegazione del movimento che chiedono federalismo fiscale, la defiscalizzazione dei carburanti e la sospensione dei pagamenti alla Serit.

I Forconi non intendono smobilitare fino a che non avranno avuto risposte e hanno deciso di mantenere alta la protesta anche dopo l'incontro di ieri con il presidente dell'Assemblea Francesco Cascio, che ha aperto sulle loro rivendicazioni e ha invitato il governo regionale a discutere col movimento dell'ampio quadro di problemi posti, dal prezzo dei carburanti alla riscossione delle cartelle esattoriali.

Ma in Italia tutto passa molto sottotono: se, infatti, la Sicilia è agitata da queste proteste, nel resto della Penisola poco ancora se ne parla. E magari lo si farà solo quando, come accaduto un mese fa, la loro protesta dilagherà anche nel resto del Paese.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il