BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2012 Roma: tassa casa tra più alte per aumento singoli Comuni città

Gli aumenti Imu nelle città: a Roma tassa più cara



Sarà decisamente salato il conto dell'Imu per gli italiani: da Torino a Milano, da Venezia a Bologna, da Firenze a Roma, a Bari, è in arrivo una super tassa dai Comuni, che potrebbe anche far triplicare il costo per i contribuenti. Gli aumenti più sostanziosi si registreranno a Roma e Milano.

Alla Capitale servono 520 milioni, in tutto: 400 di tagli statali, altri 120 in meno per il trasporto pubblico e, per recuperare risorse, si punterà sulla nuova Imu, la tassa sugli immobili reintrodotta dal governo Monti e che sostituisce la vecchia Ici. Sulle prime case, i Comuni avranno la libertà di aumentare l’aliquota base del 4 mille fino al 6, mentre sulle seconde case si parte dal 7,6 che può essere ritoccata di tre punti.

L’idea è quella di attestarsi al 5 per mille per le prime abitazioni e si paventa la possibilità che si arrivi anche al 6. Sulle seconde case, invece, si pensa di arrivare al massimale: il numero di quelle abitazioni è molto inferiore e parte del ricavato dalla tassa finisce nelle casse dello Stato.

L’aumento di un punto dell’aliquota base dell’Imu vale 150 milioni di euro: aggiungendo il ricavato sulle seconde abitazioni si arriva ai 200 milioni circa. Portare la tassazione al 6 per mille avrebbe un beneficio economico (altri 150 milioni), ma un contraccolpo politico.

Altre risorse verranno dall' aumento del biglietto Atac a 1,50 euro e, forse, dalle privatizzazioni delle municipalizzate. Ma è previsto anche un altro ritocco sulle tariffe. A Milano, per l’aumento dell’Imu, l’ipotesi più probabile è che Palazzo Marino decida di lasciare ferma l'aliquota sull'abitazione principale, mantenendola al 4 per mille, ma aumentando quella sugli altri immobili.

Sulle abitazioni, le ipotesi parlano di un’Imu al massimo (10,6 per mille) per le case lasciate vuote e di un trattamento particolare per quelle affittate a canone concordato (4,6 per mille), mentre per le locazioni di mercato l'aliquota si potrebbe attestare al 9,6 per mille.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il