BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pressione fiscale Italia 2012 al 45%, quella reale al 54.5%. Siamo gli unici al mondo

Pressione fiscale italiana troppo pesante: la denuncia della Corte dei Conti



Il presidente della Corte dei Conti Luigi Giampaolino lancia l’allarme sul pesante peso della pressione fiscale in Italia e dice che “Il peso delle tasse punta a superare il 45% un livello che ha pochi confronti nel mondo”.

Secondo Giampaolino, “il nostro sistema è disegnato in modo da far gravare un carico sui contribuenti fedeli eccessivo”. Nel mirino di Giampaolino la strategia di puntare sull'aumento del prelievo fiscale piuttosto che dare la priorità al taglio della spesa, che ha prodotto conseguenze impreviste.

“Le manovre di aggiustamento 2011, infatti, hanno operato soprattutto sul lato dell'aumento della pressione fiscale piuttosto che, come sarebbe stato desiderabile, dal lato della riduzione della spesa”.

Ma le brutte notizie non finiscono qui perché “Se nel 2011 la pressione fiscale reale che pesa sui contribuenti italiani ha sfiorato una ipotesi massima del 52%, con gli effetti delle manovre estive di Berlusconi e gli interventi del Governo Monti, il raggiungimento del pareggio di bilancio nel 2013 farà impennare il carico fiscale sui contribuenti onesti sino a una ipotesi massima del 54,5%. Un record che, purtroppo, non ha eguali al mondo”.

Questo, invece, è quanto ha reso noto il segretario della CGIA di Mestre, Giuseppe Bortolussi, sul carico fiscale record che peserà quest'anno sui contribuenti italiani.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il