BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu-Ici: riduzione aliquote proposta vista aumento tasse irpef Comuni. I beneficiari

Una tassazione Imu diversa per casi particolari: quali sono e proposte



La nuova Imu presenterà un conto molto salato in diverse città di Italia e per ammortizzare gli aumenti previsti dai Comuni, che avranno facoltà di alzare le aliquote in base alle esigenze di cassa dei propri bilanci, la Camera ha proposto una riduzione delle aliquote per edifici rurali, immobili artistici e prime case dove risiedono portatori di handicap.

Proposta una diversa tassazione anche per gli edifici di interesse storico e artistico e per gli stabili agricoli non più funzionali all'attività di impresa e trasformati in abitazioni, ma anche per i fabbricati che servono al lavoro e che da sempre sono stati inseriti nel valore dei terreni.

In caso contrario, sostiene Coldiretti, i costi a carico del settore aumenterebbero di oltre un miliardo, con la conseguente uscita di diverse realtà imprenditoriali dal mercato. Il motivo per cui è stato chiesto un tale ritocco è perché il peso dell’Imu si farà sentire in molte città di Italia proprio per gli aumenti delle aliquote previsti dai Comuni.

L’aliquota Imu crescerà, per esempio Torino, dove arriverà al 6 per mille per avere un gettito paragonabile all'ex Ici; aliquote più alte a Milano, dove ci sono da recuperare quasi 600 milioni di euro. Per i proprietari di immobili l’ipotesi più accreditata mantiene al 4 per mille fissato dalla legge statale l'aliquota sull'abitazione principale, e assegna il 9,6 per mille, dal 7,6 per mille di base, agli altri immobili: i tecnici lavorano anche a una disciplina di favore per gli affitti a canone concordato (4,6 per mille) e una di un’aliquota al 10,6 per mille, tetto massimo di legge per banche e assicurazioni.

Aumenti locali in vista anche a Monza, Bergamo e Lecco. Il conto più salato si pagherà a Roma, l'aliquota sulla prima casa potrebbe arrivare al 6 per mille. Secondo la Cgia di Mestre, Roma sarà la più colpita dalla nuova Imu, che costerà mediamente 397 euro ai proprietari di prima casa, contro i 345 di Bologna e i 297 di Bari. E sempre rispetto alla vecchia Ici questa media sale a Roma di 71 euro, un incremento minore solo ai 78 euro di Venezia e ai 72 di Lecce.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il